L'Inter affonda a Udine: 0-3

Doppio Di Natale-Muriel, urrà friulano

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Udinese-Inter, Lapresse

Una Befana con tanto carbone per l'Inter, che nella prima uscita dell'anno frana a Udine: 0-3. Primo tempo equilibrato: i nerazzurri reclamano un rigore per fallo su Palacio e Totò colpisce la traversa su punizione. Nella ripresa gli ospiti si divorano due gol con Jonathan e Palacio e poi vengono puniti sotto i colpi di Di Natale (doppietta al 18' e al 34') e Muriel (30'), restando anche in 10 per il rosso a Juan Jesus per doppia ammonizione (20').

Erano 14 anni che l'Inter non perdeva la prima dell'anno. A Udine arriva la sesta sconfitta in campionato, la quarta consecutiva lontano da San Siro. Segnali molto preoccupanti per una squadra che si è persa negli uomini e nelle idee. Dal canto suo l'Udinese ringrazia ancora una volta il suo fuoriclasse.

LA PARTITA
Neanche panchina per Milito, che va in tribuna causa affaticamento: in avanti Cassano-Palacio. Con la squalifica di Ranocchia e il forfait di Chivu, Stramaccioni ricorre ancota a Cambiasso in difesa. Nell'Udinese Muriel vince il ballottaggio con Maicosuel e Ranegie e per la prima volta fa coppia con Di Natale. Due sussulti al Friuli in un primo tempo non certo entusiasmante. Succede tutto nel giro di 2', dal 25' al 27': prima l'Inter chiede un rigore per un contatto nell'area dell'Udinese tra Palacio e Domizzi - l'argentino viene ammonito per simulazione - poi Totò scalda il pubblico di casa con un missile terra-aria che si stampa sulla traversa.

Per il resto solito buon fraseggio degli uomini di Guidolin, con grande movimento dei centrocampisti a innescare le due punte Muriel e Di Natale e nerazzurri che partono con il freno tirato e poi fanno vedere qualcosa grazie alle invenzioni di Cassano (un'altra per Palacio oltre a quella già citata) e alle accelerazioni di Guarin. Ai nerazzurri manca, oltre ovviamente al Principe, la spinta sulle fasce: nè la novità Jonathan sulla destra nè Pereira sulla sinistra si avventurano in avanti, preoccupandosi soprattutto alla copertura. L'unico spunto sulle corsie arrica da Zanetti, che al 37' sfonda dalla parte di Pasquale ma poi non trova nè Palacio nè Cassano al centro. E un minuto dopo ci prova Gargano ma Brkic è bravo a respingere in angolo.

Riparte bene l'Inter nella ripresa, con Cassano che continua a confezionare palloni d'oro ma anche a predicare nel deserto: perché Jonathan si divora una clamorosa occasione a porta vuota e Palacio sbaglia movimenti e mira. Gol falliti e l'Inter viene punita da Totò, che raccoglie il servizio di Domizzi e batte in diagonale un Handanovic non esente da colpe. Due minuti e altra tegola per i nerazzurri: Juan Jesus ferma fallosamente Muriel e si becca il secondo giallo e dunque il rosso. La partita finisce qui: strada spianata per l'Udinese, che può 'divertirsi' in contropiede e infatti colpisce per la seconda volta con Muriel e poi ancora con Di Natale, di fronte a una difesa ormai allo sbando. Stramaccioni gioca anche la carta Rocchi ma ormai è tracollo.

LE PAGELLE
Di Natale 8 - Un assaggio con quella punizione sulla traversa da distanza siderale. Fa tremare i suoi tifosi toccandosi la coscia poi dimentica tutti i dolori e regala gol e spettacolo. Incontenibile Totò.

Muriel 7,5 - I problemi sono alle spalle: la prova al fianco di Totò è ampiamente superata. In velocità non lo prende nessuno.

Cassano 6,5 - Fantantonio fa il suo: peccato che non venga capito da nessuno. Serve dei palloni che sono soltanto da mettere dentro ma non trova l'interlocutore giusto. Mai.

Palacio 4,5 - Reclama invano per un fallo, ma in ogni caso il 'Trenza' non è in un buon momento. Sbaglia i movimenti, fallisce gol che qualche tempo fa non sbagliava. Non è lucido.

Pereira 4,5 - Non pervenuto. In fase difensiva non riesce praticamente mai a tenere Basta, in quella offensiva è un fantasma.

Jonathan 4 - Debole in fase difensiva, inesistente in quella propositiva. Soprattutto un clamoroso errore/orrore a porta vuota. Strama lo ripropone ma è bocciatura secca.

IL TABELLINO
Udinese-Inter 3-0
Udinese (3-5-2):
 Brkic 6,5; Heurtaux 6,5, Danilo 6,5, Domizzi 6,5; Basta 6,5, Pereyra 6, Allan 6,5, Lazzari 6, Pasquale 6; Muriel 7,5 (36' st Maicosuel sv), Di Natale 8 (43' st Willians sv). A disposizione: Padelli, Pawlowski, Angella, Faraoni, Barreto, Ranegie, Coda, Gabriel Silva, Merkel, Zielinski. All.: Guidolin 7.
Inter (3-5-2): Handanovic 5,5; Samuel 5, Cambiasso 5, Juan Jesus 4,5; Jonathan 4 (32' st Rocchi sv), Zanetti 5, Gargano 5 (29' st Duncan sv), Guarin 5,5, Pereira 4,5; Cassano 6,5 (36' st Silvestre sv), Palacio 4,5. A disposizione: Belec, Di Gennaro, Mariga, Benassi, Mbaye, Bessa, Livaja. All.: Stramaccioni 5.
Arbitro: Giannoccaro
Marcatori: 18'  st, 34' st Di Natale, 30' st Muriel
Ammoniti: Danilo, Allan, Maicosuel (U), Pereira, Palacio (I)
Espulsi: 20' st Juan Jesus (I) per doppia ammonizione

I VOSTRI COMMENTI

fc1974 - 07/01/13

Visto il centrocampo dell'Udinese non mi sembrano dei fenomeni ma giocano al calcio noi invece sempre tante scuse.
Acquistate Basta, Benatia e Paulinho cedete Alvarez, Sneijder, Jonathan, Silvestre, Faraoni e qualche giovane in compropietà SVEGLIA E' GIA' TARDI.

segnala un abuso

stefanoaputi - 07/01/13

per head_up
Non abbiamo i fenomeni, ma non venitemi a dire che l'inter non ha la rosa pr competere sul piano del gioc con catania,geona,cagliari,parma,udinese ecc. perchè da torino in poi, contro queste abbiamo fatto pena
continuo a dire che in primis non si cambia formazione ognibenedetta domenica,formazione che poi non manca mai di avere i var zanetti e cambiasso. non abbiamo un gioco, non abbiamo velocità...siamo ridicoli.stramaccioni poi è una pecora che ubbidisce allospogliatoio

segnala un abuso

gradia - 07/01/13

Ripeto: l’inter è una squadra mediocre, non ha unao straccio di gioco, solo catenaccio e contropiede, come quaranta anni fa. Senza aiuti arbitrali non vale più del Siena o del Pescara

segnala un abuso

-Snake70- - 07/01/13

Jonathan via o da ora in poi quando gioca faró il tifo contro, questo é scarso ma da paura, eppoi l'acquisto di riparazione e chi prendiamo un pensionato? Tanto valeva richiamare Spillo allora, società allo sbando,Moratti vendi e vai e grazie di tutto ma la politica del risparmio va fatta bene se proprio bisogna farla, altrimenti chi risparmia spreca mi è stato insegnato.

segnala un abuso

lintereabbastanzaridicl - 06/01/13

BINOMIO ma quali errori se sul presunto rigore c'era il fuorigioco ahaaha che BBBBBINTER

segnala un abuso

Head_up - 06/01/13

Continuate a criticare l'allenatore, ma sono questi i calciatori che ha a disposizione. Chi avrebbe dovuto schierare al posto dei giocatori che hanno fatto male oggi in campo?! E' facile parlare col senno di poi. La squadra non sta ottenendo risultati con tutti gli allenatori che si sono susseguiti dopo la vittoria del triplete, è stata sempre colpa loro?! Il problema penso che sia più in alto, e riguarda chi sceglie i calciatori.

segnala un abuso