Continua il calvario di Zé Eduardo

Genoa, giocatore operato all'appendice

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Zé Eduardo, foto Afp

Adesso i tifosi del Genoa inizieranno ad attaccarsi a santini e cornetti vari. Perché quando la "nuvola di Fantozzi" ti staziona sopra la testa non c'è altro da fare. La "sfiga" cosmica sembra essersi impossessata di Zé Eduardo, promettente attaccante brasiliano, sbarcato in Italia come punta di diamante dei rossoblù e ancora a quota zero minuti in Serie A. Colpa dei guai fisici: l'ultimo l'ha costretto a un'operazione d'urgenza all'appendice.

Il curriculum italiano di Zé Love (il nomignolo col quale è conosciuto in Brasile) è più simile a una cartella clinica: infortuni muscolari, frattura da stress al piede e infine un'infiammazione all'appendice che l'ha costretto a un operazione d'urgenza all'ospedale San Paolo di Savona. A rendere la vicenda ancora più fantozziana le parole su Twitter dell'attaccante ex Santos, che giusto sabato scriveva: "Se Dio vuole tra dieci giorni torno a giocare". Ventiquattro ore dopo ecco la mazzata, riportata sullo stesso social network: "Tra mezz'ora mi opero d'appendicite".

Il tutto per il dispiacere di Malesani, che considera il brasiliano la sua punta gioiello e che comunque, anche prima dell'ultima puntata della Zé Love parade di "sfighe", parlava di un mese prima di vederlo tra i convocati. Ora i tempi di recupero si dilatano ulteriormente e tutto fa pensare che il buon Zé Eduardo sarà il primo acquisto di gennaio del Genoa.

I VOSTRI COMMENTI

X7gaming - 24/10/11

Mamma mia, io questo non lo posso soffrire già più! E non è ancora sceso in campo! COme minimo quando rientra (se rientra) deve fare venti goal altrimenti per me può tornare in Brasile

segnala un abuso

w_juve_95 - 24/10/11

Fossi Preziosi sbatterei la testa contro il muro. L'anno scorso Toni e Veloso, quest'anno Zé Eduardo, una campagna acquisti senza un bidone mai?

segnala un abuso

Dyablo1982 - 24/10/11

Cosa signific@ "frattura da stress"?

segnala un abuso