Serie A: Parma-Roma 1-3, Totti porta in vetta i giallorossi

Florenzi replica al vantaggio di Biabiany, il capitano e Strootman chiudono i conti

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

PAOLO MANDARA'

Resta immacolato il cammino della Roma in questo avvio di campionato. Nel posticipo della terza giornata, i giallorossi espugnano per 3-1 il campo del Parma e agganciano il Napoli in testa alla classifica a punteggio pieno. La squadra di Garcia va sotto al 39' per il gol di Biabiany, ma nella ripresa si scatena: al 47' Florenzi fulmina Mirante, poi Totti sorpassa al 70'. Nel finale Gervinho si guadagna un rigore che Strootman (85') trasforma. 

LA PARTITA

La festa della Roma, foto Lapresse

Non era in vetta dall'aprile 2010, prima di quella gara maledetta con la Sampdoria che le costò il quarto scudetto della sua storia. A distanza di oltre tre anni (e parecchie ere calcistiche), la Roma si arrampica in testa alla classifica, aggancia il Napoli e dà una scossa al campionato. E' vero, sono passate appena tre giornate e qualunque volo pindarico sarebbe fuori luogo. Ma, almeno questo, le brutte contestazioni estive sembrano cancellate, così come il malumore per un mercato in uscita un po' eccessivo. Garcia, invece, dà prova delle sua bravura e dimostra di aver assemblato in poco tempo una squadra vera: fresca, attenta, predisposta al sacrificio e capace di portare a casa gare impegnative – come quella col Parma – e risultati importanti.

L'avvio di partita è tonico e incoraggiante, molto più dell'ultima Inter-Juve, tanto per citarne una. Parma e Roma giocano a viso aperto, puntando sul repertorio migliore. La squadra di Garcia è brava in ripartenza e abile nello stretto. Al 19', da una splendida "composizione" in mezzo al campo, nasce un tiro di Totti che Mirante riesce a trattenere. Ma più in generale la squadra dà ampia dimostrazione di aver assorbito lo stile di gioco dell'allenatore e fino alla mezz'ora se la cava benone, alternando possesso palla e inserimenti. Da uno di questi nasce l'occasione migliore: Maicon legge alla perfezione il filtrante di Pjanic, ma una volta in area conclude sull'esterno della rete. Il Parma è ordinato, compatto fra i reparti e rinvigorito dall'ottimo lavoro sporco di Gargano. Cassano, nella classica posizione di regista alto, si dedica allo "smistamento palloni", ma l'assist – il più bello e il più importante – arriva da Cassani, con la "i" finale, che serve Biabiany per una torsione di testa da centravanti puro: l'1-0 sblocca la partita e l'ex interista, fino a quel momento preso un po' di mira da Donadoni per alcune carenze tattiche. Il gol ribalta le sorti del match e toglie qualche certezza di troppo alla Roma, soprattutto alla difesa, che pochi minuti dopo rischia di capitolare ancora. Ma Amauri non arriva sull'assist di Biabiany.

Bastano pochi giri di lancette, invece, per capire come andrà la ripresa. La Roma parte fortissimo e il miglior Pjanic d'annata serve Florenzi sulla corsa, nella difesa sguarnita: botta di prima e gol del pari. La personalità viene fuori col passare dei minuti e riesce a sopraffare un Parma a tratti meraviglioso per disciplina e corsa. Al 25' Strootman approfitta però della seconda dormita della difesa di Donadoni – con Gobbi che sbaglia il fuorigioco – recapitando a Totti un assist da sfruttare a tutti i costi. Mirante è spiazzato e il sorpasso servito. Il Pupone, reduce da una partita di altissimo livello, torna a segnare in trasferta dopo quasi un anno: l'ultima volta era successo proprio a Parma, nell'ottobre del 2012. Garcia non vuole creare scompensi e lo toglie dal campo quasi stremato, come avvenuto poco prima per Florenzi. E così scopre la ritrovata vena di Gervinho, che dopo aver spaziato a destra e a manca, fugge via in contropiede e si guadagna un rigore sacrosanto, con la benedizione di Strootman che piega Mirante e chiude la partita. Game, set and match: la Roma c'è, il campionato ha ritrovato una sicura protagonista.

LE PAGELLE

LE PAGELLE

Totti 7,5 - Gioca molto spalle alla porta, ma riesce a imbeccare i compagni e mostrare il suo talento. Quando ha l'occasione di "girare" il match, la sfrutta a pieno (col 100° gol in carriera lontano dall'Olimpico). Esce fra gli applausi del pubblico, non solo di fede giallorossa

Cassano 6,5 - Buon primo tempo, dove unisce tecnica e mobilità. Si allarga, si abbassa, prova a dettare gli inserimenti. E si libera anche al tiro. Sfiora il 2-2 da posizione impossibile, Borriello respinge sulla linea di porta

Ljajic 5 - Ha tanti palloni giocabili ma becca la serata sbagliata. E' fuori dagli automatismi dell'attacco, non riesce a rendersi utile o a liberarsi davanti al portiere. Esce al 9' della ripresa per far spazio a Gervinho

Gargano 7 - Nei minuti finali, quando la partita è andata, il pubblico del Tardini lo acclama: "Noi vogliamo 11 Gargano". Onore al merito: fa una partita senza sosta, cambia il volto alla squadra, che per la prima volta in stagione si dimostra viva

Pjanic 7,5 - Il migliore del centrocampo romanista. Preciso negli appoggi e abile nei recuperi, vede spazi che i normali esseri umani non vedono. L'anno scorso Zeman non lo considerava granché, Garcia lo ha rigenerato

IL TABELLINO

PARMA-ROMA 1-3

Parma (3-5-2): Mirante 6,5; Cassani 6,5, Felipe 6, Lucarelli 5,5; Biabiany 6 (32' st Sansone sv), Gargano 7, Marchionni 6, Parolo 6,5, Gobbi 5,5 (45' st Mesbah sv); Cassano 6,5, Amauri 5,5 (24' st Okaka 5,5). A disp.: Bajza, Pavarini, Mendes, Rosi, Benalouane, Munari, Acquah, Valdes, Palladino. All: Donadoni 6,5
Roma (4-3-3): De Sanctis 6; Maicon 6, Benatia 6,5, Castan 6, Balzaretti 6; Pjanic 7,5, De Rossi 6,5, Strootman 7; Florenzi 7 (24' st Marquinho 6,5), Totti 7,5 (31' st Borriello 6), Ljajic 6 (9' st Gervinho 7). A disp.: Skorupski, Burdisso, Romagnoli, Jedvaj, Dodò, Torosidis, Taddei, Ricci, Caprari. All: Garcia 7
Arbitro: Guida
Marcatori: 39' Biabiany (P), 2' st Florenzi (R), 25' st Totti (R), 40' st rig. Strootman (R)
Ammoniti: Lucarelli, Cassano, Cassani, Gargano (P)
Espulsi: -

TAGS:
Roma
Parma
Serie A

I VOSTRI COMMENTI

maxeem - 17/09/13

sono d'accordo con chi dice che la roma è stata anche un pò fortunata, ma ci vuole anche quello, finalmente però ho visto una "squadra" vera!!! un tecnico preparato e cambi azzeccati!! mi sembra che si possa essere fiduciosi che finalmente il progetto ha avuto inizio!!

segnala un abuso

romathebest - 17/09/13

PRIMIIIII!!! E IL BILAN? AHAHAHAHAH speriamo solo che a furia di rigori regalati non falsino il campionato!

segnala un abuso

juve1964 - 17/09/13

mi complimento con la roma bella squadra che gioca a calcio come poche, senza le coppe lotteranno per lo scudo più di altre squadre, complimenti a garcia che a roma hanno contestato da subito

segnala un abuso

fabxxx72 - 17/09/13

ringrazio commosso i commenti di @pepepe89 e di @grinder.,gente obiettiva e sportiva.Vorrei capire come si fa a definire Strootman,capitano della propria nazionale a 23 anni, un "flop". Temo che il rosicare abbia intaccato anche i bulbi oculari. Poi, Livorno (2 vinte ed una persa), Verona (due vinte ed una persa ) e Parma non saranno certo test attendibili, ma possiamo esprimere un moderato ottimismo almeno per aver iniziato bene ? Certo che mi fate una tristezza ....

segnala un abuso

-grinder- - 17/09/13

Appena giocheranno una partita contro una squadra di serie A vera vedremo come finirà.
Che tenerezza poi lasciar battere il rigore a Strootman per farlo segnare e farlo sembrare meno flop.

segnala un abuso

fausto08 - 17/09/13

bella partita della ROMA e grande gol di TOTTI ma adesso aspetiamo il derby domenica et le partite contre le grande bravo a GARCIA

segnala un abuso

pepepe89 - 17/09/13

Bha questa roma non mi sembra niende di che..ha vinto le prime 2 contro squadre neopromosse, e ieri a dir la verità ha avuto molta ma molta fortuna..il parma meritava "almeno" il pareggio

segnala un abuso

SanDiegoan - 17/09/13

Brava Roma, Garcia sembra uno che sa quello che fa, ma Roma e Napoli devono testarsi contro squadre grandi, per capire davvero dove possono arrivare.

Totti è da Nazionale, nessuno mette uomini davanti al portiere come lui, Prandelli una scelta migliore NON ce l'ha.

Benatia, e anche Maicon rigenerato, sono scelte che pagano, peccato il nostro Milan-disastro non abbia più nessuna intuizione del genere.

Roma, la città più bella del mondo intero, deve avere un Top Team.

segnala un abuso