Conte, interrogatorio segreto

Scommesse:sentito dalla Procura di Bari

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Conte, Lapresse

Antonio Conte è stato interrogato, in gran segreto, dalla Procura di Bari. L'allenatore della Juventus è stato sentito nei giorni scorsi, nella caserma di Monopoli, come persona informata sui fatti e non come indagato. Fatti che risalgano al 2008 e al 2009 quando il tecnico sedeva sulla panchina del Bari. In particolare la partita di Serie B Salernitana-Bari 3-2. Per questo match è indagato anche Andrea Ranocchia, difensore dell'Inter.

Era arrivato sulla panchina dei "Galletti" nel finale di stagione del 2008/2009, prendendo la squadra da Beppe Materazzi, poi, nella stagione successiva, Conte fu l'interprete di una storica promozione che restituì a Bari la serie A, ma nel 2010- 2011 preferì la panchina del Siena dove ottenne un'altra promozione in A.

Ebbene giovedì scorso nella tarda mattinata il tecnico, oggi alla Juventus, è stato ascoltato nella caserma della Compagnia dei carabinieri a Monopoli per la nuova indagine sul calcioscommesse che vede tornare alla ribaltà il Bari per alcune gare sospette, Bari-Treviso, ultima della stagione 2008-2009 finita 1-0 per i veneti e soprattutto per Salernitana Bari, dell'anno successivo, finita 3-2 per i campani. E in odor di combine, viste e considerate le ammissioni di alcuni giocatori baresi, fra i quali ci sarebbe stato Lanzafame che avrebbe fatto importanti ammissioni anche sulla modalità di consegna del denaro, servito per comprare il successo della salernitana, denaro diviso addirirttura nelle docce al termine della gara.

Conte sarebbe stato accompagnato in Puglia da un legale che però non avrebbe assistito all'interrogatorio. E' stato il procuratore Laudati a porre le domande soprattutto su Salernitana-Bari. Il tecnico della Juventus avrebbe dichiarato di non aver avuto nessuna cognizione di quanto, a detta degli inquirenti e di altri testimoni, sarebbe accaduto. A Bari intanto la Procura della Repubblica sta lavorando, e a fondo, su questa nuova tranche di indagini che rivelerebbero l'esistenza di altri protocolli atti a truccare le partite, a quanto pare non da parte degli zingari o degli ungheresi ma con la partecipazione della malavita.

Conte dovrebbe anche tornare a Roma per l'udienza di fronte al Tnas che com'è noto esprimerà il verdetto prima del 7 ottobre.

I VOSTRI COMMENTI

gonggong - 13/09/12

CONTE E INNOCENTE COME GIUDA, SE UNO NON FA NULLA, NULLA SI SA
SE UNO FA QUALCOSA,QUALCOSA SI SA!!!

segnala un abuso

nana17 - 12/09/12

siete tutti dei magistrati e dei giudici...l'italia e fatta solo di persone che sono tuttologhi...fate finire l'indagine...ma poi la giustizia sportiva non fa giurisprudenza...e non mi risulta che quella ordinaria ah condannato conte!!!!

segnala un abuso

gonggong - 11/09/12

PER SIG.PIESCU
CONTE SI E' FATTO PESCARE CON LE MANI NELLA MARMELLATA, QUELLO CHE LO ACCUSA E IL SUO SECONDO STELLINI, NON BABBO NATALE

segnala un abuso

Alberto80 - 11/09/12

tore68, anche a me qualche dubbio sorge per il fatto che molte squadre in cui ha allenato lui siano successe certe cose però è anche vero che si portava dietro Stellini e che cmq nn ci sono neanche prove, insomma, o è un mago della truffa altrimenti qualche prova la dovresti trovare no? tutto fatto a perfezione? mi pare difficile anche questo

segnala un abuso

PIESCU - 11/09/12

Conte non sara' MAI scagionato del tutto,qualche mese se li fara' e per un semplice motivo:In caso contrario potra' chiedere i DANNI e a seguire pure la societa'...In FIGC non sono fessi...

segnala un abuso

PIESCU - 11/09/12

Conte non sara' MAI scagionato del tutto,qualche mese se li fara' e per un semplice motivo:In caso contrario potra' chiedere i DANNI e a seguire pure la societa'...In FIGC non sono fessi...

segnala un abuso