Real, esonerato Lopetegui

Salta il possibile accordo con Antonio Conte, che non sarà il prossimo tecnico dei blancos. Calda la pista che porta a Martinez

  • A
  • A
  • A

Julen Lopetegui non è più l'allenatore del Real Madrid. Con un comunicato ufficiale nella serata di lunedì il club spagnolo ha comunicato l'esonero dell'ex ct della nazionale spagnola. La panchina del Real è stata affidata a Santiago Solari, che ricoprirà un incarico ad interim. Chi non allenerà il Real Madrid è Antonio Conte: sembrava in pole, ma l'accordo è saltato. Per il futuro si fa il nome di Roberto Martinez, attuale ct del Belgio.

"La Giunta direttiva del Real Madrid ha deciso di risolvere il contratto di Julen Lopetegui. Questa decisione ha come fine quello di dare una scossa al momento della squadra, quando ancora tutti gli obiettivi stagionali sono raggiungibili. Riteniamo che ci sia una grande disparità tra la qualità della rosa del Real - che ha 8 giocatori candidati al Pallone d'Oro, un evento unico nella storia del club - e i risultati ottenuti. Lopetegui, a qui vanno i ringraziamenti per gli sforzi profusi, sarà sostituito temporaneamente da Santiago Solari, che già da martedì dirigerà gli allenamenti della prima squadra".

Lopetegui, nonostante il durissimo comunicato del Real nei suoi confronti, ha diffuso una nota nella quale ha ringraziato per l'opportunità avuta: "Dopo la decisione del Real, ringrazio il club per avermi dato questa occasione. Ringrazio i giocatori per i loro sforzi e per il loro lavoro, così come tutte le persone all'interno del club. Grazie ai tifosi per il loro calore e il loro appoggio, auguro a tutto il club il meglio per la stagione".

Sembrava fatta, invece Antonio Conte non andrà al Real Madrid. L'operazione data per scontata fino a lunedì mattina, si è complicata a tal punto da essersi areanata. Le parti, secondo Marca, non hanno trovato l'accordo e in ogni caso lo spogliatoio del Real aveva fatto trapelare segnali di grande freddezza, in particolare con Sergio Ramos, riguardo il possibile arrivo di Conte.

A indirizzare la decisione della giunta del Real Madrid anche le parole di Sergio Ramos. Dopo il Clasico perso, il capitano del Real non ha usato giri di parole sul possibile arrivo di Conte: "Il rispetto si guadagna, non si impone. La gestione dello spogliatoio è piu' importante delle conoscenze tecniche". Parole pesanti, che danno l'idea di come i big del Real non erano felici dell'eventuale arrivo dell'ex ct azzurro. Lo stesso Ramos avrebbe chiesto lumi su Conte a due compagni di Nazionale come Diego Costa e Alvaro Morata, dai quali avrebbe ricevuto notizie poco confortanti sui rapporti fra Conte e alcuni giocatori. È noto come nel Real i giocatori più esperti coltivassero buoni rapporti con Ancelotti e Zidane, tecnici ritenuti piu' 'morbidi'.

Santiago Solari, ex giocatore del Real ma anche dell'Inter, indosserà dunque i panni di 'traghettatore'. La nomina di Solari è provvisoria e potrebbe durare solo due settimane, periodo in cui i regolamenti federali spagnoli consentono a una squadra di avere un allenatore su una base provvisoria. Dopo 15 giorni, il club in questione, in questo caso il Real Madrid, deve nominare un allenatore ufficialmente o stipulare un contratto per la prima squadra con il tecnico in carica, in questo caso Santiago Solari. Che dunque rischia di guidare la squadra campione d'Europa e del mondo contro Melilla, Valladolid (Liga), Viktoria Plzen (Champions) e Celta (Liga). Dopo la partita in Galizia, il Real dovrebbe già avere un allenatore definito.

Saltata l'opzione Conte, si sta dirigendo verso un altro ct, com'era Lopetegui a giugno quando guidava la Spagna, in pieno Mondiale. Si tratta di Roberto Martinez, ct del Belgio, legato alla Nazionale da un contratto che prevede anche la possibilità di liberarsi senza dover sottostare a penali.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments