Champions, Real-Atletico 6-4: decide CR7 ai rigori

I tempi regolamentari finiscono 1-1: a segno Ramos e Carrasco. Griezmann fallisce un rigore, poi la lotteria dal dischetto

di STEFANO RONCHI

Il Real è Campione d'Europa. Al Meazza la squadra di Zidane batte 6-4 l'Atletico dopo i calci di rigore e conquista il titolo per l'11.ma volta nella sua storia. Nei tempi regolamentari la gara finisce 1-1: Ramos, in fuorigioco, sblocca il match al 15', poi Griezmann fallisce un rigore al 48' e Carrasco pareggia al 79'. Nei supplementari poi il risultato non cambia e si decide tutto ai rigori: per il Cholo fatale l'errore di Juanfran e la rete di CR7.

LA PARTITA

Sempre Real. Dopo solo cinque mesi sulla panchina dei Blancos, Zidane centra la sua prima Champions da allenatore. Un traguardo prezioso, conquistato con i denti soltanto ai rigori contro un Atletico mai domo e sfortunato. Per i Blancos è l'undicesimo titolo europeo della sua storia. Un risultato che consente a Zizou di entrare nel ristretto gruppo di campioni che hanno alzato la coppa sia da giocatore che da allenatore insieme a Crujff, Ancelotti, Trapattoni, Guardiola, Munoz e Rijkaard. Roba da predestinati e contro cui, forse, il Cholo non poteva opporsi. A San Siro i rigori del resto costano caro ai Colchoneros. Non solo dopo i tempi supplementari. L'erore dal dischetto di Griezmann, infatti, pesa sul bilancio della finale. Lo sa bene CR7, che invece non sbaglia il match point per il Real e, nonostante una prestazione opaca, mette comunque la sua firma sull'Undecima. Il sigillo del campione, che invece è mancato a Simeone nel momento cruciale della gara. Ai punti non vince nessuno e il pareggio dei tempi regolamentari è giusto. Il Real fa la gara nel primo tempo, l'Atletico si prende invece la ripresa, osando di più con l'inserimento in campo di Carrasco. Ma alla fine sono i Blancos ad alzare la Coppa dalle grandi orecchie. E il Cholo, mentre Zizou esulta, è costretto a leccarsi ancora le ferite.

Ma veniamo alla partita. A San Siro "once de gala" per Zizou, che recupera CR7 e sfoggia la Bbc. Simeone risponde col solito modulo e il tandem d'attacco Torres-Griezmann. L'avvio dei Colchoneros è aggressivo. Il Cholo chiama il pressing alto e i Blancos soffrono dalla parte di Marcelo. Koke ha subito una palla buona, ma il primo vero squillo è degli uomini di Zizou. Al 6' Bale pennella su punizione per Benzema, ma Oblak si supera sul tocco ravvicinato del francese. Si lotta su ogni palla, ma col passare dei minuti Casemiro e Kroos riescono a mettere ordine in mezzo al campo e il Real prende in mano il match, giocando di prima e innescando Bale e Ronaldo. Sotto pressione, i Colchoneros arretrano e serrano le linee, il Real invece sceglie il possesso palla per manovrare e costruire gioco. Sulle corsie l'Atletico va in affanno e proprio da un'altra punizione arriva il gol che sblocca il match. Come nella finale del 2014 a Lisbona la bestia nera del Cholo è ancora Ramos, che al quarto d'ora parte in fuorigioco e beffa Oblak in uscita dopo un colpo di testa di Bale. In vantaggio, il Real fa girare palla con Modric e appena può verticalizza per la Bbc, che tiene sempre in ansia la retroguardia biancorossa. Con poche idee in mezzo al campo e poco brillante sul piano fisico, l'Atletico prova a reagire affidandosi ai guizzi di Griezmann e ai cross di Koke, ma la manovra è troppo lenta e i Blancos sulle palle alte si difendono senza difficoltà.

Nella ripresa Simeone fa entrare subito Ferreira Carrasco e dopo un minuto Pepe stende Torres in area. Sul dischetto si presenta Griezmann, ma il suo sinistro si stampa incredibilmente sulla traversa. Zidane ringrazia, ma la difesa del Real balla e Savic subito dopo va vicino al pareggio. Più offensivo, l'Atletico alza il ritmo e attacca la profondità. Il Cholo arringa i tifosi e Saul impegna Navas con una girata al volo. Con le squadre sulle gambe, si gioca a sprazzi. I Colchoneros attaccano a testa bassa, ma si allungano, lasciando spazio alle ripartenze dei Blancos. Al 70' Benzema ha sul piede la palla buona per il raddoppio, ma spara su Oblak. Poi è Ronaldo a fallire il colpo del ko, cercando inutilmente il numero. Due errori pesanti, che riaccendono l'Atletico e cambiano il match quando tutto sembrava finito. Al 79', infatti, Juanfran pennella per Carrasco, che pareggia i conti e porta la partita ai supplementari.

Nell'extratime le forze calano e si gioca a ritmi bassi. CR7 fallisce di testa il colpo del ko su calcio d'angolo. Dall'altra parte invece è uno scatenato Carrasco a impegnare Ramos & Co, saltando i blancos come birilli. Senza più cambi, Zizou prova a tenere alta la squadra, ma le gambe pesano ed è l'Atletico a fare il match. Griezmann ci prova in rovesciata, ma la mira è alta. Poi tocca al Real rendersi pericoloso con Vazquez, ma sono solo gli ultimi diperati tentativi di cambiare le sorti di una gara che finisce ai rigori. Alla lotteria dei rigori poi sono i piedi buoni ad avere la meglio. E dopo l'errore di Juanfran, è CR7 a condannare Simeone. Per il Cholo è la seconda sconfitta in finale di Champions in tre anni. Sempre col Real. Una sconfitta che brucia. 

LE PAGELLE

Ramos 7: gara quasi perfetta. Segna come nella finale del 2014 e chiude tutti gli spazi a Griezmann e Torres
Casemiro 6,5: le indicazioni del Cholo erano giuste. E' lui l'uomo che dà equilibrio al Real, recupera palla e avvia la manovra dando ordine al centrocampo
Bale 6,5: bene nel primo tempo, quando sfoggia le solite accelerazioni. Da una sua spizzata nasce il gol di Ramos. Nella ripresa cala un po'
Ronaldo 6: serata opaca e senza guizzi. Fallisce un'ottima occasione davanti a Oblak tentando il numero, poi però dal dischetto regala al Real l'Undecima
Gabi 7: uomo immagine dell'Atletico di Simeone. Detta i tempi, dà ordine e inventa. Freddo anche dal dischetto
Griezmann 5: sbatte contro il muro eretto da Ramos e Pepe. Il rigore sbagliato nella ripresa prima del gol di Carrasco pesa sull'inerzia della gara
Carrasco 7: il suo ingresso cambia la partita. Dai suoi piedi nascono le azioni migliori dell'Atletico, segan il pareggio ed è l'ultimo ad arrendersi anche nei supplementari

IL TABELLINO

REAL-ATLETICO 6-4 (1-1 tempi regolamentari)
Real Madrid (4-3-3): Navas 6; Carvajal 6 (7' st Danilo 5,5), Pepe 5,5, Ramos 7, Marcelo 6; Modric 5,5, Casemiro 6,5, Kroos 5,5 (27' st Isco 5,5); Bale 6,5, Benzema 6 (31' st Vazquez 6), Ronaldo 6
A disp.: Casilla, Kovacic, J. Rodriguez, Jesé. All.: Zidane 6,5
Atletico Madrid (4-4-2): Oblak 6; Juanfran 6, Savic 6, Godin 6, Filipe Luis 6 (2' sts L. Hernandez sv); Saul 5,5, Gabi 7, Fernandez 5 (1' st Ferreira Carrasco 7), Koke 5,5 (10' sts Partey sv); Griezmann 5, Torres 5,5
A disp.: Moyà, Gimenez, Correa, Vietto. All.: Simeone 6
Arbitro: Clattenburg (Eng)
Marcatori: 14' Ramos (R), 34' st Carrasco (A). Sequenza rigori: Vazquez (R) gol, Griezmann (A) gol, Marcelo (R) gol, Gabi (A) gol, Bale (R) gol, Saul (A) gol, Ramos (R) gol, Juanfran (A) palo, Ronaldo (R) gol
Ammoniti: Carvajal, Navas, Casemiro, Ramos, Danilo, Pepe (R); Torres, Gabi (A)
Espulsi: -
Note: 3' st Griezmann (A) calcia un rigore sulla traversa

TAGS:
Champions league
Real madrid
Atletico madrid

Argomenti Correlati