Corinthians, trionfo Libertadores

Boca battuto, "esulta" anche il Milan

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Emerson Sheik (Reuters)

Il Corinthians ha vinto la Coppa Libertadores 2012 battendo per 2-0 a San Paolo nella seconda finale il Boca Juniors. La prima finale a Buenos Aires era finita 0-0. Il successo è giunto grazie a doppietta di Emerson Sheik ed è il primo, per il club brasiliano, nella "Champions" sudamericana. Esulta, in qualche modo, anche il Milan: in caso di vittoria del Boca, i rossoneri sarebbero stati sorpassati nel numero di trofei internazionali vinti.  

Se il Milan non deve cancellare da magliette e carta intestata la dicitura "il club più titolato al mondo" lo deve al centravanti-rivelazione dei paulisti: Emerson Sheik ha segnato all'ottavo minuto, dopo un errore difensivo in area del Boca e uno spettacolare passaggio all'indietro di tacco di Danilo. Il goleador della Libertadores di quest'anno (5 reti) si e' poi ripetuto rubando una palla mal passata a centrocampo da Schiavi e segnando dopo una galoppata di una cinquantina di metri con dribbling finale sul portiere argentino. Sheik si e' confermato attaccante di grande grinta, pur essendo snobbato dalla stampa sportiva brasiliana perche' considerato poco tecnico. Ha incitato compagni e tifosi e provocato senza sosta i 'xeneizes' e in particolare il suo marcatore, Caruso, che non riusciva a controllarlo se non con fallacci al limite dell'espulsione.

Emerson, come e' chiamato in Brasile, era gia' stato protagonista dell'eliminazione in semifinale di quello che era considerato il favorito di quest'anno, il Santos di Neymar e Paulo Henrique Ganso. Il Boca allenato da Julio Cesar Falcioni si e' invece disgregato e non e' mai riuscito a mettere in difficolta' il Corinthians, neanche dopo aver incassato il primo gol. La sua principale stella, Roman Riquelme, sul quale pesava la responsabilita' di ribaltare il pareggio senza reti alla Bombonera, non si e' fatto vedere in nessuna occasione, e ha probabilmente concluso cosi' la sua carriera di erede di Maradona al Boca. Sara' cosi' il Corinthians, al suo primo titolo internazionale importante, a sfidare a Tokyo il Chelsea nel mondiale per club. 

I VOSTRI COMMENTI

Nikus83 - 05/07/12

certo caibre certo.......poi quando impari qualcosa di calcio ripassa eh? x ora sei rimandato p.s. ragiona meno coi sentimenti e più con l'obiettività.....odiare una squadra non vuol dire doverla denigrare sempre e comunque

segnala un abuso

TuTToMaTTo87 - 05/07/12

scusate, ma alla "Bombonera" non era finita 1-1? L'articolo parla di un "pareggio senza reti"...
comunque, indipendentemente dalla propria fede calcistica, non si potranno mai paragonare i trofei internazionali di una squadra europea con quelli di una del resto del mondo.
Il coefficiente di difficoltà dei tornei del Vecchio Continente sono tutt'altra roba!
Ridicolo stare a sindacare su chi meriti realmente di essere considerata la più prestigiosa, non vedo molta obiettività qui....

segnala un abuso

TuTToMaTTo87 - 05/07/12

scusate, ma alla "Bombonera" non era finita 1-1? L'articolo parla di un "pareggio senza reti"...
comunque, indipendentemente dalla propria fede calcistica, non si potranno mai paragonare i trofei internazionali di una squadra europea con quelli di una del resto del mondo.
Il coefficiente di difficoltà dei tornei del Vecchio Continente sono tutt'altra roba!
Ridicolo stare a sindacare su chi meriti realmente di essere considerata la più prestigiosa, non vedo molta obiettività qui....

segnala un abuso

i-piu-titolati - 05/07/12

Ma cosa se ne fanno gli juventini di 28 scudetti (dovrebbero essere 20 e sono clemente) quando hanno 2 misere champions e tutti sappiamo come le hanno vinte.
Forse perchè in europa non ci sono i tagliavento e i romagnoli ad arbitrare!?

segnala un abuso