Savio Nsereko ci ricasca: ruba un orologio al compagno di squadra

Ennesimo episodio negativo e il Viktoria di Colonia lo liquida

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Savio con la maglia del Brescia, foto LaPresse

Savio Nsereko continua a far parlare di sé. L'ex giocatore di Brescia, Fiorentina, Bologna e Juve Stabia si è reso protagonista ancora una volta di un episodio spiacevole. Il trequartista di origini ugandesi ma naturalizzato tedesco è stato liquidato dal Viktoria di Colonia (club che milita in quarta divisione) per aver rubato un orologio a un suo compagno di squadra, per giunta infortunato, di chiare origini italiane (Salvatore Amirante).

Finisce dopo soli cinque mesi, dunque, la sua avventura con l'ennesima società che ha provato a dargli fiducia. "Ho personalmente consigliato a Savio - dichiara Franz-Josef Wernze, presidente del club - di cercare un serio aiuto professionale. Il ragazzo ha grossi problemi e spero che possa risolverli. Attualmente vive a Monaco di Baviera con la sua famiglia". Di bravate, se così possono essere definite, Savio ne ha fatte tante. Dagli affitti non pagati a Firenze alla doppia sparizione quando indossava le maglie di Monaco 1860 e Juve Stabia. Fino alla diabolica messa in scena di un (finto) rapimento quando lo scorso ottobre giocava in Thailandia per ottenere il denaro necessario (25mila euro) per pagare le prostitute.

I VOSTRI COMMENTI