I demoni di Casagrande: coca, eroina, canne, tequila e doping

L'ex Ascoli e Torino: "Per 20 anni mi sono fatto di tutto"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

I demoni di Casagrande: coca, eroina, canne, tequila e doping

Della tossicodipendenza di Walter Casagrande Junior, ex Ascoli e Torino e con 19 presenze nel Brasile, si sapeva già da qualche anno, ma ora che sta uscendo la sua autobiografia "Casagrande e i suoi demoni" emergono alcune particolari inquietanti. L'attaccante, che nel 1992 ha portato i granata in finale di Coppa Uefa, rivela: "Mi sono fatto di tutto. Cocaina, eroina, canne, tequila, doping: per 20 anni ho giocato alla roulette russa".

I demoni di Casagrande: coca, eroina, canne, tequila e doping

La sua dipendenza con le sostanze stupefacenti è cominciata nei primi anni 80, all'epoca della sua prima esperienza al Corinthians: "A quei tempi, però, ci andavo ancora piano: solo qualche canna e qualche preparato di cocaina". Poi nulla nella parentesi europea dall'86' al 1993 con Porto, Ascoli e Torino, salvo poi ricominciare una volta appesi gli scarpini al chiodo nel 1997: "Mi sentivo tremendamente vuoto e cercavo rifugio nella droga. In una sola sera ero capace di sniffare 3 grammi di cocaina e poi iniettarmi una dose di eroina, fumarmi una canna e bermi una bottiglia di tequila". Era un'ossessione: "Per 20 anni ho giocato alla roulette russa, copiando quella spinta all'autodistruzione che vedevo nei miei miti del rock, da Jim Morrison a Janis Joplin e Jimi Hendrix".

Infine anche al doping, anche se "dopo un po' mi sono rifiutato di continuare. Ci obbligavano a fare dell'iniezioni intramuscolo e il risultato era sbalorditivo". Il tutto avvenne in Europa, ma Casagrande non ha fatto riferimento in quale squadra. Ora la fine del tunnel dopo 4 overdosi e il ricovero per oltre un anno in una clinica: "Mi sento rinato".

I VOSTRI COMMENTI

viperino2 - 09/04/13

Non c'è da commentare....

segnala un abuso