Cristiano Ronaldo cuore d'oro: dona 70mila euro per curare un bambino

Erik, dieci mesi, soffre di displasia corticale: l'asso del Real Madrid finanzia l'operazione

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Cristiano Ronaldo, foto IPP

Arrogante e vanitoso per alcuni; fuoriclasse e idolo per altri. Cristiano Ronaldo fa sempre e comunque discutere, ma un gesto - rimasto nascosto fino ad adesso - ha messo tutti d'accordo. L'asso del Real Madrid, contattato da una famiglia di un bambino di dieci mesi affetto da displasia corticale per aiutare con un'asta la raccolta dei fondi per un intervento, ha fatto di più: si è fatto carico di tutte le spese per consentire l'operazione.

Il bambino in questione si chiama Erik Ortiz Cruz, figlio di una famiglia di Villaluenga de la Sagra. Affetto da displasia corticale, il piccolo Erik è spesso colpito da attacchi epilettici, fino a 30 al dì nei giorni più duri. Per ridurre la sofferenza avrebbe dovuto subire una serie di operazioni costose e per questo la famiglia ha pensato di contattare Cristiano Ronaldo per chiedergli di istituire una raccolta fondi a favore dei bambini malati, mettendo all'asta cimeli e indumenti personali. Da lì la decisione di CR7 di fare di più e di prendersi in carico l'intera faccenda sborsando 70mila euro. 

TAGS:
Cristiano Ronaldo
Beneficenza
Real Madrid

I VOSTRI COMMENTI

ma fatela finita... - 14/03/14

bhè...è come per noi dare un euro a un mendicante...

segnala un abuso

Alabardaspaziale - 14/03/14

I veri CAMPIONI lo sono anche fuori dal campo

segnala un abuso

SportsFan - 14/03/14

Un grande applauso
BRAVO!

segnala un abuso

Toff26 - 14/03/14

Si vede dalla faccia che è una brava persona.. Mi sa di persona sensibile a pelle. Per lui 70000 euro non sono niente ma per questo bambino sono la vita. Un applauso che va al di là di ogni fede calcistica e simpatia..

segnala un abuso

DM2082 - 14/03/14

Un'esempio per tutti! "CHAPEAU"!

segnala un abuso

BIN0MI0INTERM0RATTI - 14/03/14

BRAVO CR7 CAMPIONE DENTRO E FUORI DAL CAMPO.

segnala un abuso