Zambrotta-Chiasso: doppio incarico, assistente allenatore e calciatore

Dopo la lode a Coverciano, l''ex terzino della Nazionale si dividerà tra campo e lavagnetta

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Zambrotta (LaPresse)

La teoria l’ha passata alla grandissima - unica lode italiana al Master di Coverciano per l’abilitazione ad allenatore di prima categoria (quello che ha mietuto anche vittime eccellenti) -, ora la pratica. Gianluca Zambrotta, ex terzino di Juve e Milan, si fa in due.  Oltre al patentino, va in all in: panchina e campo. Da questa stagione sarà, infatti, giocatore e assistente-allenatore del Chiasso, Challenge League svizzera.

Lo ha comunicato oggi la società elvetica che ha assicurato a Zambrotta un contratto di un anno con l’opzione per il secondo. Doppio incarico, doppia responsabilità, leader in campo e “aiuto” dell’head coach Ernestino Ramella. Corsi e ricorsi storici, magari il preludio ad un futuro, e non lontano, approdo nel campionato italiano.

Proprio come accaduto a Ringhio Gattuso, che ad inizio 2013 ha svolto il doppio incarico, sempre in Svizzera, alle dipendenze del Sion. Un mese di esperienza da allenatore in prima-calciatore, poi la retromarcia del vulcanico patron Constantin ed il ritorno esclusivo al campo. L’anticamera alla “chiamata” del Palermo. Zambrotta cerca di imboccare la stessa strada, parte da secondo nel Chiasso del ds Marco De Gennaro (ironia della sorte lo stesso che aveva portato Gattuso al Sion), magari con la speranza di durare di più e fare, un giorno, ritorno in Italia per sedere su qualche panchina di prestigio. Da quel commovente saluto al Milan del 13 maggio 2012 – ultima gara contro il Novara – è passata un bel po’ di acqua sotto i ponti. È passata anche una lode. Ora la grande chance. Campo e panchina. Un nuovo esame, anzi due. Senza paura.

TAGS:
Zambrotta
Chiasso
Mercato

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento