Veron ancora Estudiantes, l'argentino torna in campo

L'argentino firma per un anno, stipendio in beneficenza per dare speranza dopo alluvioni

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Veron (LaPresse)

Certi amori non finiscono mai. Quello di Juan Sebastian Veron per il calcio nasce da lontano e dimostra ampia resistenza all’usura. Il 38enne argentino, veterano dell’Albiceleste e del calcio italiano, ha deciso di tornare in campo indossando la maglia dell’Estudiantes, club nel quale ha ricoperto nell’ultima stagione il ruolo di direttore sportivo. Il suo stipendio, inoltre, sarà devoluto in beneficenza alle giovanili del La Plata.

Veron, che ha firmato un contratto annuale, aveva annunciato nel 2012 il suo ritiro per noie alla schiena ed alla caviglia, ma aveva continuato a giocare a livello amatoriale. Stop a tempo determinato, evidentemente. Perché sono bastati pochi mesi per capire che a 38 anni, e quando sei pazzamente innamorato di un oggetto che rotola, non puoi soffocare l’amore di sempre.
E allora decisione ritrattata. “Addio”, anzi “arrivederci” a penna e scrivania, e via a indossare di nuovo divisa e scarpette. Un intramontabile, la “Bruja”, che aveva cominciato la sua folgorante carriera proprio all’Estudiantes. Un imperituro, nostalgico. E pure gran signore. L’argentino ha deciso di devolvere in beneficenza l’intero stipendio che percepirà dal club. La somma sarà girata alle giovanili del La Plata, la squadra della città distrutta dalle terribili alluvioni dei mesi scorsi.
L’ex capitano dell’Albiceleste, che in Italia ha vestito le maglie di Lazio, Inter, Parma e Sampdoria - vincendo anche uno scudetto con i capitolini nel 2000 -, ha coronato il suo sogno: tornare a giocare. Con i soldi del suo ingaggio anche altri potranno sognare qualcosa, o perlomeno dimenticare le macerie e ripartire daccapo.

TAGS:
Verona
Estudiantes
Beneficenza

I VOSTRI COMMENTI

mateokovacic10 - 19/07/13

altro che pogba

segnala un abuso

foolprostituteX - 19/07/13

Che grande persona Veron!

segnala un abuso