E' morto Felice Riva, presidente del Milan dal 1963 al 1965

Il cordoglio del club, che lo ricorda in un comunicato sul sito

E' morto Felice Riva, presidente del Milan dal 1963 al 1965

E' morto Felice Riva, presidente del Milan dal 1963 al 1965. Aveva 82 anni. Riva era stato uno dei protagonisti del boom economico del dopoguerra, erede del Cotonificio Vallesusa (15mila dipendenti) fondato dal padre Giulio. Aveva preso le redini del Milan (quello di Rivera, Trapattoni, Cesare Maldini e altri grandi campioni) subito dopo la storica prima Coppa dei campioni conquistata Wembley nel maggio 1963, acquistandolo da Andrea Rizzoli, e lo aveva lasciato due anni dopo alla famiglia Carraro.
Il nome di Felice Riva su poi legato al crac della sua azienda e ai guai giudiziari per bancarotta, nel 1969 lasciò l'Italia e dopo 13 anni fece ritorno in Patria.
Il Milan, attraverso il suo sito ufficiale, lo ricorda così: "E' stato il primo presidente dopo Wembley, dopo la prima vittoria della Coppa dei Campioni da parte di una squadra italiana nel 1963 contro il Benfica. Successore dello storico Andrea Rizzoli, Felice Giulio Riva è stato il presidente degli anni in cui la sede rossonera era in via Serbelloni, pieno centro di Milano. La memoria storica rossonera non dimentica l'ex presidente del Club e tutti i rossoneri si stringono al dolore della famiglia nel momento della sua scomparsa".
I funerali saranno celebrati venerdì alle 11,30 nella chiesa di Sant’Ermete a Forte dei Marmi dove Felice Riva viveva da qualche anno.

TAGS:
Calcio
Milan
Felice riva

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X