Mondiali femminili: Usa campione

Tripletta di Carli Lloyd: vendicata la sconfitta del 2011

  • A
  • A
  • A

Gli Usa vincono 5-2 in finale contro il Giappone e vincono i mondiali di calcio femminile. Per le statunitense è il terzo titolo iridato. Grande protagonista del match è stata Carli Lloyd, brava a segnare una tripletta, la prima in una finale mondiale. Vendicata così la sconfitta del 2011 proprio contro le nipponiche. "Grande partita Carli Lloyd! Il tuo Paese è molto orgoglioso di te. Vieni a trovarci alla Casa Bianca presto", il tweet di Obama.

In pochi in Canada, dopo un Mondiale tutto sommato equilibrato nella fase finale, si sarebbero aspettati un match così a senso unico. Colpa dell'approccio alla partita del Giappone, che entra in campo poco concentrato e in un quarto d'ora dice addio ai sogni di gloria. Apre le marcature Lloyd al 3' con un tocco in mischia da vera rapace d'area, poi al 5' raddoppia ancora lei con un gol fotocopia: retroguardia nipponica imbarazzante. Ma la giornata nera della difesa asiatica è appena iniziata: al 14' infatti un rinvio sbagliato del centrale regala ad Holiday la palla per il tris con un destro al volo sotto la traversa.

A questo punto manca solo il portiere a finire nello show horror della difesa giapponese: presto fatto, al 15' ancora capitan Lloyd recupera la sfera a centrocampo e senza pensarci due volte calcia da oltre 50 metri una parabola che trova Kaihori fuori dai palli e tremendamente goffa nel recuperare. La sfera rimbalza in rete, strepitoso gol ma su gentile concessione. La gara è già finita: al 28' Ogimi prova a riaprirla con una bella girata mancina da centro area, poi al 52' un goffo autogol di Johnston illude il Giappone. Ma è un fuoco di paglia: al 54', infatti, un tocco sottomisura di Heath fa scendere i titoli di coda sul match.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments