Buoni e Cattivi: il Milan ora ha il vero PiPa, ma a Calha serve un esorcista

Gigio imperforabile, Barella rimandato all'esame San Siro

di
  • A
  • A
  • A

In zona Champions è un fine settimana che lascia tutto invariato. Dal terzo posto in giù vincono tutte. Inter, le due romane, Atalanta e Milan. E così, mentre è sempre più noiosa la lotta scudetto con la Juve che risale a più 11 sul Napoli, s'infiamma la corsa agli altri due posti per l'Europa che conta. Cinque squadre in 5 punti, quattro nel giro di un sol punto: insomma ci sarà da divertirsi da qui a fine campionato. Chi ieri si è divertito molto sono stati i tifosi del Milan. Tre gol (a zero) e tre punti contro il Cagliari. Tutto secondo pronostico, ma tutto quasi in scioltezza...

PREMIO PI-PA
- Ovviamente con il trattino... Mentre il Pipa Higuain ne prende sei (a zero) con il suo Chelsea, la premiata ditta dell'inverno rossonero Piatek-Paquetà continua a lasciare il segno. Il polacco dopo un gol fallito per eccesso di confidenza (cucchiaio sventato da Cragno) firma il suo quarto centro in rossonero (23esimo da quando è in Italia) che chiude sul 3-0 la contesa. Il brasiliano capitalizza al meglio con un piatto sinistro preciso un bel cross di Calabria per il momentaneo 2-0. E poi festeggia con sincera commozione dedicando il gol ai ragazzi del Flamengo scomparsi nel tragico incendio di Rio. Insomma, nessuno rimpiange l'argentino.

PREMIO PORTA BLINDATA - Gigio Donnarumma festeggia le 150 presenze in rossonero mantenendo inviolata la porta (non usiamo l'orribile espressione inglese clean sheet...). Con due grandi interventi sempre su colpo di testa di Joao Pedro: nel primo tempo e nella ripresa, sempre sul 2-0. Il 25 febbraio compirà 20 anni: non dimentichiamolo mai...

PREMIO PORTA STREGATA
- Ha sui piedi almeno tre occasionissime, ma la porta per lui sembra proprio stregata. Calhanoglu è uno dei "cocchi" di Gattuso: si fa un mazzo tanto, rincorre gli avversari, ruba palloni, insomma, più che un 10 sembra un 4. Rimane a quota 0 gol in questa stagione. Ma il suo contributo alla causa è sempre di sostanza e mai banale.

PREMIO BLACK OUT
- Doveva illuminare la manovra del Cagliari, ma Barella ieri è rimasto a luci spente. Pochi guizzi, tanti errori. E' giovane (lo scorso 7 febbraio ha compiuto 22 anni) e ha personalità. Ma l'esame San Siro per ora lo vede... rimandato.

PREMIO GRUVIERA - Firma (con più sfortuna che colpa) l'autorete dell'1-0. Regala a Piatek l'occasionissima che il polacco si divora complice un gran intervento di Cragno. Provoca il terzo gol perdendo palla in contrasto aereo con Piatek. Insomma, un vero disastro la prova del 29enne difensore centrale Luca Ceppitelli. Capitano più disastroso che coraggioso di un Cagliari allo sbando.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments