Catania-Juve: pagato l'1 e il pari

Paddy Power applica il Justice Payout

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Bendtner, LaPresse

A volte gli errori degli arbitri possono fare 'piangere' gli scommettitori. Così Paddy Power, bookmaker irlandese in Italia da maggio, ha deciso di applicare il 'Justice Payout', pagando come vincenti tutte le scommesse singole relative alla sfida del Massimino tra Catania e Juventus, macchiata dalle numerose sviste dei sei direttori di gara. Anche coloro che avevano puntato sull' 1 dei padroni di casa e sul pareggio vedranno pagata la loro puntata.

"Certe volte un risultato è talmente ingiusto che, semplicemente, è giusto rimbrosare". Questo il messaggio che il bookmaker irlandese ha deciso di lanciare, introducendo il 'codice di giustizia' nel nostro campionato.

"In Gran Bretagna e in Irlanda è una tradizione il pagamento di giustizia su episodi molto controversi dello sport" ha dichiarato Alessandro Allara, direttore della comunicazione dell'agenzia. Un episodio molto controverso, che in parte ha deciso la corsa scudetto, è stato il gol di Muntari non visto in Milan-Juve del febbraio scorso: Allara conferma che il Justice Payout sarebbe stato applicato anche in quel caso.

Peraltro il destino ha voluto che tra i protagonisti degli episodi della partita incriminata ci sia stato Nicklas Bendtner, in posizione di fuorigioco nell'azione conclusasi con il tap-in vincente di Vidal. Ebbene la casa di scommesse decise di farsi pubblicità a Euro 2012 con le mutande dell'attaccante bianconero. Una scelta a dir poco profetica...

I VOSTRI COMMENTI

hateyou - 30/10/12

invito i gestori di paddypower a fare altrettanto ad ogni errore arbitrale e non solo quando c'e' di mezzo la juve.
questa trovata e' veramente ridicola, ma come dice thor e' solo per farsi pubblicita'.

segnala un abuso

P4g4n0 - 29/10/12

E gli orrori delle partite del Milan, Inter, Napoli e Fiorentina? Quelli passano in cavalleria?

segnala un abuso

lorenzoilmagnifico - 29/10/12

..........e ho detto tutto

segnala un abuso