"Il Psg rischia l'Europa nel 2015"

Fair Play: "Besiktas la prima vittima"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MASSIMILIANO CRISTINA

Ancelotti, Leonardo, Al Thani foto Afp

Mentre Milan e Inter hanno chiuso i rubinetti, e come loro diversi club in Europa, qualche società (vedi Psg) continuano a spendere cifre enormi. Ma non c'era il Fair Play Finanziario? Questa è la domanda che si pongono i tifosi e per trovare una risposta SportMediaset.it ha intervistato in esclusiva Paolo Ciabattini, autore del libro "Vincere col Fair Play Finanzario". "Con queste spese Psg e City rischiano l'esclusione dall'Europa nel 2014/15".

Per i tifosi e i profani, ci spiega in poche parole cos'è il Fair Play finanziario?
"E' un sistema normativo che impone ai club un comportamento equo, corretto e leale dal punto di vista economico finanziario e contabile. Sono cento pagine di normativa che impongono: che i costi non superino la massimo deviazione consentita rispetto ai ricavi e che i debiti vengano pagati puntualmente".

Chi riguarderanno queste due regole?
"La prima (costi-ricavi) impatterà sulle strategie dei top club che spesso chiudono il bilancio con grandi perdite. Ci sarà un primo periodo di monitoraggio (2011-13) e le perdite consentite saranno di 45 milioni nel biennio. A partire dal 2018/19 andrà a regime la normativa su monitoraggio triennale con deviazione consentita a 30 milioni. La seconda (debiti) invece riguarda club medio piccoli che non hanno il mecenate di turno o che non ottengono con facilità credito dalle banche come le spagnole. Mentre la prima sarà riflessa a partire dal 2014/15, la seconda è già attiva. Besiktas e Paok Salonicco sono le prime vittime e sono state escluse dalle coppe per la qualificazione nei prossimi cinque anni (quando si qualificheranno la prima volta nei prossimi cinque, saranno esclusi ndr)"

Allora come è possibile che il Paris Saint Germain investa certe cifre con facilità?
"Semplicemente rischia. Nel 2011 il Psg ha chiuso il bilancio in pareggio mentre, pur non avendo dati ufficiali, è facile pensare che quello del 2012 verrà chiuso con una perdita pesante. Non ha problemi in termini economici perché i proprietari sono molto ricchi ma li avrà sicuramente rispetto al Fair Play Finanziario. Gli introiti della Champions League non basteranno a farli rientrare nella massima perdita consentita".

Ma rischia qualcosa o basta che paghi lo sceicco alla fine?
"No, non basta assolutamente. Il ruolo del mecenate verrà molto ridimensionato in termini di copertura delle perdite e si limiterà alla massima deviazione consentita dal FPF. Potrà continuare a investire soldi a volontà finanziando infrastrutture che generano aumento del fatturato in seguito. Chi non rispetta la normativa comunque rischia seriamente l'esclusione dalle competizione europee. Con queste cifre in giro, a oggi, il Psg nel 2014/15 sarà escluso dalle competizione europee".

Il Milan con questo incasso si mette a posto o serve solo per coprire le perdite?
"Ai fini del Fair Play finanziario avrebbero potuto aspettare un anno ma le occasioni vanno prese al volo. Il Milan ha chiuso il bilancio 2011 con 67 milioni di perdita. Con Ibra e Thiago ci sarà una plusvalenza di 40 milioni di euro e un risparmio di circa 36 milioni a stagione, anche se nel 2012 vanno contati solo 5,5 mesi di stipendio. Semplificando le voci nel 2012 potremo avere un bilancio così: 20 milioni di risparmio sui contratti non rinnovati; 7/8 milioni di costo di stipendio e ammortamento dei nuovi arrivati; 23 milioni di plusvalenza del 2011; 40 milioni derivanti dalla cessione di Ibra e Thiago e 17 milioni di risparmio dallo stipendio. Totale circa 20 milioni di perdita più quelli spesi per rinforzarsi".
"C'è una clausola che permette però di dedurre il costo degli stipendi dei contratti firmati prima del 1 giugno 2010 soltanto in riferimento al bilancio 2012. Quindi ai fini del Fair Play finanziario, i possibili 40 milioni di euro di perdita al dicembre 2012 sarebbero completamente compensati dalla clausola degli stipendi. Si tratterebbe quindi soltanto di limitare a 45 milioni la perdita dell’esercizio 2013".

Il City, le spagnole, il Psg... c'è qualche big che rischia qualcosa nell'immediato futuro?
"Il Manchester City che nel 2011 ha fatto registrare una perdita di 225 milioni di euro, incrementerà di molto il fatturato nel 2012 e nel 2013. Questo però non gli permetterà di rientrare all'interno dei parametri e la perdita del biennio sarà superiore ai 45 milioni consentiti. Il Psg con queste operazioni di mercato sarà molto fuori dai parametri, mentre Real e Barça al momento non hanno grossi problemi perché hanno il fatturato in crescita e i costi contenuti".

E le italiane?
"Del Milan abbiamo detto, mentre l'Inter sta cercando di compiere una clamorosa rimonta iniziata nel 2007 quando accumulava 216 milioni di euro di perdita. La cessione di Sneijder aiuterebbe molto in questo senso. Le inglesi invece beneficeranno del nuovo contratto televisivo (3,5 milioni di sterline all'anno) che porterà un aumento ai club di 30-50 milioni di euro. Questo impatto più la vittoria della Champions salverà il Chelsea".

Quindi a oggi Psg, Manchester City e le altre, cosa rischiano seriamente?
"Le sanzioni rispetto al periodo 2011-13 andranno dalla riduzione dei premi UEFA al blocco del mercato calciatori fino all'esclusione dalle coppe europee per uno o due anni. Dipenderà dallo scostamento rispetto alle perdite consentite".

Però Milan e Inter hanno chiuso i rubinetti, la Juventus no. Basta lo stadio?
"No lo stadio nel 2011 ha generato 11 milioni di ricavi, nel 2012 arriverà sui 30/35 che però non bastano a coprire gli investimenti. La Juve fa affidamento sui ricavi della Champions, dallo stadio (aumento dei prezzi) e dal nuovo sponsor. Per acquistare un top player e restare nei parametri dovranno cedere gli esuberi con la minore minusvalenza possibile, non come Elia (2,2 milioni di perdita). Il bilancio 2012 sarà chiuso con 65 milioni di perdita però facendo bene la prossima stagione dovrebbe rientrare nei parametri senza problemi".

E' possibile che il FPF sia stato utilizzato come una scusa per non spendere? O non possono spendere?
"Non possono e se non ci fosse stato non avrebbero voluto. Del resto è una normativa chiesta dagli stessi mecenati stufi di dover sempre ripianare perdite. E' stato deciso nel 2007 dalla UEFA insieme ai top club rappresentativi. E' una normativa assolutamente necessaria per salvaguardare il calcio nel medio periodo e salvare i club dal fallimento. Il punto è che nel 2007 gli sceicchi non c'erano ancora... Ma per fortuna che 5-6 squadre spendono per tutti. Stanno, senza volerlo, salvando gran parte delle società che a oggi non rientrerebbero nella normativa"

I VOSTRI COMMENTI

jim-morrison - 08/09/12

Al P.S.G. ci penserà Platini fra un paio d'anni quindi può stare tranquillo.

segnala un abuso

WarDrome - 19/07/12

cevani

Ma scusa tanto, se il Real Madrid ha un certo blasone (e quindi un certo fatturato) e l'Ascoli ne ha un altro (con un altrettanto fatturato).

Mi spieghi il FPF che colpe avrà in futuro se il Real Madrid potrà spendere 100 mln e l'Ascoli solo 1 mln?

Il FPF farà crescere tutti quelli che sanno gestire una società (i Pozzo ad esempio o i De Laurentis).

Non i Tanzi o i Cragnotti che "mettevano" soldi e ripianavano (come dici te)! ;-)

segnala un abuso

xxxJuvexxx - 19/07/12

escludete tutte le squadre di cui i giocatori hanno uno stipendio superiore ai 6 milioni

segnala un abuso

edylard - 19/07/12

E guardate anche il Chelsea... miliardi (non milioni) investiti da Abramovich e una champions vinta dopo dieci anni... Il city? Un campionato vinto all'ultimo secondo investendo centinaia di milioni. Per fortuna la storia del calcio è piena di squadre che senza investire miliardi vincevano lo stesso... E chi dice che una volta in Italia c'erano campioni.. Zidane, arrivato ma sconosciuto. Ibra veniva dall'Ajax ma non era un Top Player... Kakà? Chi se lo filava? Platini pagato 125mila €....

segnala un abuso

edylard - 19/07/12

Secondo me il fatto che questi "campioni" (ma campioni di cosa? Ibra che ha vinto fuori dall'italia?? Thiago Silva??? ) lascino il campionato italiano nel lungo termine per noi è solo un bene. Si punterà di più sui giovani, possibilmente italiani. Non è un caso se i titoli dei giornali erano divisi fra Destro, Giovinco, Borini. Guardate l'Arsenal, ha avuto alti e bassi ma è sempre presente. Guardate le sudamericane: campionati considerati minori, ma a livello di nazionali?

segnala un abuso