Ranieri, l'Inter è l'ultima chance

Ha allenato tante big, ma senza vincere

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

STEFANO FIORE

Claudio Ranieri, LaPresse

Napoli, Fiorentina, Valencia, Atletico Madrid, Chelsea, Juventus e Roma: Claudio Ranieri ha allenato grandi squadre in 25 anni di carriera. Ma in bacheca ha messo 2 coppe nazionali, una Supercoppa italiana e una Supercoppa europea: mai uno scudetto. Adesso arriva l'Inter e per l'allenatore romano può essere l'ultima grande chance di vincere quello scudetto che proprio i nerazzurri gli scucirono dal petto nel 2010.

Un romano di Testaccio per rialzare l'Inter dei bauscia: Moratti chiede a Ranieri di riportare i nerazzurri sui livelli a cui i tifosi sono stati abituati fino a poco tempo fa. Ma anche Ranieri chiede all'Inter una mano, quella che può aiutarlo a coronare finalmente la sua carriera di allenatore. Lo scudetto, il trofeo a cui è andato vicino alla guida della Roma. Lo scudetto, quello che Pazzini (che ora ritrova in squadra) e la Sampdoria gli tolsero nel 2010 a 90 minuti dalla fine del campionato. Era il primo anno sulla panchina della Roma e Ranieri aveva fatto tornare a sognare i tifosi giallorossi dopo la chiusura del ciclo Spalletti. Poi, come gli è accaduto a Napoli, Roma e Torino, un secondo anno negativo. Forse anche questa strana coincidenza ha convinto Moratti: il patron nerazzurro non si toglie della testa l'ipotesi Guardiola (o Mourinho) per il 2012 e, approfittando della capacità che Ranieri ha di rialzare in fretta le squadre a terra (vedi anche l'esperienza di Parma), rinuncerebbe volentieri a un secondo anno non all'altezza del primo.

 

Nel corso degli anni ha avuto a che fare con presidenti come Ferlaino, Cecchi Gori, Abramovich, Jesus Gil. Gente non facile, a cui ha sempre resistito finchè ha potuto con la forza dei risultati. Ora trova Moratti, che dal dopo Mourinho (ancora lui) non riesce a trovare un allenatore con cui stringere un patto duraturo. Potrà il suo provato equilibrio fare il miracolo? Con Del Piero e Totti ci è riuscito. Tra alti e bassi, come sempre accade tra un allenatore che ha esigenze tattiche e i fuoriclasse che la piazza vorrebbe sempre in campo. Ancora oggi il capitano della Juve parla bene di Ranieri mentre nella capitale si ricordano ancora di quel derby in cui, sotto 1-0, ha tolto Totti e De Rossi per poi ribaltare il risultato nella ripresa.

L'ultimo trofeo di Ranieri risale al 2004, Supercoppa europea alla guida del Valencia. In Italia, l'ultimo trofeo alzato è stata la Supercoppa italiana nel 1996 con la Fiorentina. In casa debutterà contro il Napoli, come accadde a Tardelli (nel 2000) e a Leonardo (l'anno scorso). Gente che non ha fatto la storia dell'Inter. Ma Ranieri ha una motivazione in più: non potrà mai allenare la Lazio per forza di cose, difficilmente passerà al Milan quindi o vince con l'Inter o nel suo curriculum rimarrà un grande vuoto.

I VOSTRI COMMENTI

Impero- Romano - 22/09/11

Inoltre non capisci molto di calcio visto che una big si definisce tale anche in funzione della piazza,e la Roma è una grandissima piazza a detta di allenatori e giocatori,quindi taci

segnala un abuso

Impero- Romano - 22/09/11

Che c'è mi vuoi denunciare solo perchè ho rivelato a tutti il tuo passatempo preferito? Non è colpa mia se ci giocavi da piccolo

segnala un abuso

Lale1973Ar - 22/09/11

Raniero, Raniero....
la storia della sua carriera insegna che quest'anno farà bene ma,... arriverà secondo..... l'anno prossimo? dopo 10-15 partite lo esonerano....chi scommette con me?
Comunque anche se nn sono interista...nn capisco perchè nn affidare la squadra ad un'uomo come BARESI che è stato il secondo di allenatori grandissimi come il MANCIO ed il MOU.... perchè non dargli una possibilità?
Comunque Buon lavoro mister Ranieri

segnala un abuso

gio424 - 22/09/11

leggo che anche Ranieri si porta "tutto" il suo staff.
Spero che la società riconosca il lavoro, e valore di gente come Baresi, Bernazzani, etc. etc... e non vengano messi in un angolo solo per ricevere dei mercenari.....

segnala un abuso

denys87 - 22/09/11

non c'è sette senza otto!

segnala un abuso