Chi può fermare questo Bayern?

Macchina da gol e difesa da record: e non è finita

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MAX CRISTINA

Robben e Ribery, foto Ap

Si scrive Bayern, si legge Fußball. Di altri sinonimi possibili e immaginabili non ne vengono in mente ma, soprattutto, non ce n'è. In Marienplatz hanno già preparato le coreografie, gli stendardi e i cori per festeggiare la squadra di Heynckes a fine stagione. I numeri del resto parlano da soli: 63 gol fatti e 8 subìti in Bundesliga, Arsenal annichilito all'Emirates, Borussia Dortmund, grande rivale degli ultimi anni e ancora secondo, distante anni luce in classifica. Il tutto, se volete, amplificato dall'assenza di trofei da due stagioni, un'eternità per chi è abituato e ha abituato a vincere praticamente sempre, almeno all'interno dei confini tedeschi.

Partiamo dai numeri, anche se da soli non bastano a spiegare il fenomeno Bayern Monaco, ma certamente regalano un ritratto della realtà piuttosto eloquente. Sessanta punti in ventitré partite di campionato: diciannove vittorie, tre pareggi e una sconfitta. Già così, spaventano. In realtà poi andando ad analizzare bene, si vede che i bavaresi hanno fatto meglio fuori che in casa. Un dettaglio mica da ridere e non solo per l'inutile media inglese (+13). La seconda in classifica, il Borussia Dortmund del mago Klopp, non si vede più. Dietro diciassette punti con il Meisterschale ormai consegnato in segreteria e pronto per essere spedito all'Allianz Arena, il gioiello tecnologico vanto di casa Bayern. Ma non è finita qui. A spiegare i successi di Heynckes, Robben, Ribery e compagnia della birra, ci sono mille altre situazioni. Mario Mandzukic, sulla carta la riserva di Gomez, ha segnato 15 gol in 19 partite; lo stesso Gomez, rotto più o meno sempre, ha già segnato 5 reti in 11 gare. Poi c'è la rinascita di Muller, l'importanza tattica di Kroos e l'impermeabilità di Neuer con i suoi soli 8 gol subìti, sempre in 23 partite. Dati di una macchina che se non è perfetta, poco ci manca.

Lasciando perdere i numeri però la questione non cambia. Il Bayern Monaco, che si giochi a Moenchengladbach o all'Emirates, fa paura. Ma tanta paura. E' una squadra dal dominio fisico, dal gioco palla a terra che con l'arrivo di Guardiola sarà destinato a migliorare esponenzialmente. Qualità e quantità, quantità e qualità. Sempre, per novanta minuti. Anche per questo le "stelle del sud" (Stern des Suedens) sono ammirate e temute da tutta Europa e anche per questo sono forse la vera candidata al trionfo finale a Wembley. Il ritorno al successo in patria dopo due anni di magra (tragedia quasi nazionale e lutto a Monaco), ha confermato ancora una volta la bontà di tutto l'impianto Bayern. Dalla società al tecnico, passando per i campioni in campo. Due episodi su tutti fanno riflettere: la finale di Champions persa davanti al proprio pubblico con il Chelsea e l'annuncio di Guardiola. Due episodi devastanti. Pensate a cosa sarebbe successo in Italia (o cos'è successo davvero, basti ricordare l'episodio Mancini-Inter post Liverpool) e cos'è invece accaduto a Monaco di Baviera. Niente, appunto. E la serietà del club tedesco è la cosa che forse spaventa più di tutte. Di società con i soldi, abbiamo visto, ce n'è tante. Di società ricche ma capaci di investire e progettare in modo mirato, no. Anche per questo alla macchina quasi perfetta si andrà a sommare Guardiola, mica poco. Poi, con ogni probabilità, Lewandowski. Uno scatto matto sul campo e nell'orgoglio agli inseguitori. Un ulteriore avviso ai grandi club in giro per il mondo.

BAYERN: NUMERI DA CAPOGIRO


PARTITE BUNDESGFASSISTGS
BAYERN2363 (2.79)-8 (0.34)
NEUER23-8- 
KROOS2267 
MULLER201111
MANDZUKIC19153
GOMEZ1152
SCHWEINSTEIGER2153
 2323 GIALLI0 ROSSI 



 

 

I VOSTRI COMMENTI

Edo 87 - 01/03/13

Benjy88
Si Julio Cesar(e a Julio devo ringraziarl per cio'che ha dato all'Inter..non mi e piaciuto come la dirigenza l'ha trattato) e uno dei migliori,pero'Handanovic sta facendo grandi cose ..samir e davvero fortissimo,Buffon ha fatto la sua storia, e Gigi devo ammetere che per anni e stato il numero 1 dei portieri al mondo..Ma a oggi Casillas-Neuer-Handanovic sono i piu'forti in circolazione!

segnala un abuso

benjy88 - 28/02/13

IL PIU' FORTE MI SENTO DI DIRE CHE E' JULIO CESAR.. IL FATTO E' CHE NESSUNO LO STA VEDENDO.. VI GARANTISCO CHE VIAGGIA ALLA MEDIA DI 2/3 MIRACOLI A PARTITA.. NELLA SQUADRA DOVE GIOCA TIRANO OVUNQUE...

segnala un abuso

antony1982 - 28/02/13

ma qui nessuno mette in dubbio la forza del Bayern, ma non capisco questa sudditanza di certe persone nei confronti di sti 4 mangia crauti che contro l'Italia hanno sempre e solo preso schiaffoni. A me fa più paura il Dortmund oltre tutto..

segnala un abuso

fcbayern - 28/02/13

@ kevinilprincipe

no non lho visto. magari l hanno tolto. chi lo sa. quindi aspetto ancora....

segnala un abuso

Super-Sportivo - 28/02/13

edo87

secondo te che ho scritto prima? Handanovic non lo si scopre ora, ma già si sapeva che era forte ai tempi di Udine, voi interisti come al solito evolvete i vostri giocatori quasi a divinità! Buffon è ed ha fatto la storia, ma nessuno di quelli scritti, sarà mai come Buffon e Jasin!

segnala un abuso