Brivido Juve, ma ci pensa Pogba

Bologna battuto solo nel recupero: 2-1

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

ALBERTO GASPARRI

Juventus-Bologna (LaPresse)

In un colpo solo la Juve sfata il tabù infrasettimanale e batte la bestia nera Bologna. Ma è stata una faticaccia, perché a Torino i bianconeri vincono solo nel recupero con un colpo di testa di Pogba, a segno al 47' per il 2-1 finale. Dopo un primo tempo in cui il protagonista era stato proprio il francese, nella ripresa Quagliarella aveva sblocca il risultato al 9', prima del pareggio momentaneo di Taider al 26' per un grave errore di De Ceglie.

LA PARTITA
La Juve sembra non fare caso alla cabala che quest'anno la vuole mai vincitrice nelle partite infrasettimanali (sia di campionato, sia di Champions League) e che di fronte ha un Bologna capace di bloccarla sempre sul pareggio la scorsa stagione. Conte e Alessio varano un ampio turnover, anche in considerazione del fatto che sabato a Torino arriverà l'Inter e "incoraggiata" dall'assenza di Diamanti, l'uomo più pericoloso di Pioli. Alla fine risulta una decisione giusta perché il risultato dà ragione a Conte e Alessio, ma l'incubo del pareggio, ha aleggiato fino quasi al fischio finale. E' un'altra dimostrazione di autostima per i bianconeri che portano a quattro i punti di vantaggio sulla seconda: che non è più il Napoli, ma l'Inter, prossima avversaria allo "Stadium". Una beffa, invece, per i felsinei, che accarezzano il pareggio, finendo per tornare a casa con il quarto ko di fila.

La partita inizia come previsto, con la Juve che preme sull'acceleratore fin dai primi minuti. E si vede, perché nel giro di un quarto d'ora i bianconeri volano trascinati da Pogba: il ragazzone francese prima insacca di testa, ma strattona leggermente Motta e Romeo annulla. Poi l'ex Manchester dà sfoggio di tutta la sua classe e coglie in clamoroso palo con uno spettacolare sinistro a giro. La Juve è padrona, ma il Bologna si difende con intelligenza e non sembra mai essere in balia dell'avversario. Anzi, qualche volta porva a farsi vedere in avanti, anche se Buffon dorme sonni tranquilli. Sta di fatto che l'ultimo brivido arriva quasi allo scadere, quando Pogba, ancora lui, mette fuori di testa da posizione superfavorevole. Insomma, senza le sue stelle la Juve fa sempre la Juve, anche se il risultato, l'unica cosa che conta, non si sblocca prima dell'intervallo.

Nella ripresa Pirlo e compagni non entrano in campo con la stessa determinazione, ma vengono premiati lo stesso perché Quagliarella finalizza in gol una bella combinazione Pogba-Giaccherini. Adesso serve il raddoppio per mettersi al riparo da qualche brutta sorpresa che, nonostante le occasioni, non arriva. Anzi, invece del dolcetto, ecco lo scherzetto nella serata di Halloween: De Ceglie sparacchia via un pallone in mezzo al campo, Taider non si fa pregare e trova un destro strepitoso che si infila là dove Buffon non può arrivare. Nel giro di pochi istanti Alessio rivoluziona la squadra inserendo Asamoah, Giovinco e Vucinic e alla fine, ma proprio alla fine, ha ragione. All'ultimo assalto, infatti, Giovinco ributta un mezzo un cross dalla sinistra sul quale si avventa Pogba, l'uomo della partita, che stavolta non sbaglia. E adesso si può pensare all'Inter per quello che da derby d'Italia si è trasformato in derby scudetto. A cui i bianconeri arrivano con un altro record: 28 punti su 30 in classifica, laddove mai nessuno era salito dopo 10 giornate di campionato da quando si assegnano 3 punti per vittoria, ossia dal 1994/95 ad oggi.

LA PARTITA MINUTO PER MINUTO

LE PAGELLE
De Ceglie 4
Conferma di non essere in un gran momento con una partita sottotono e un errore da dilettante che poteva costare carissimo
Pogba 8 Potente e tecnico, costruisce e finalizza con una naturalità imbarazzante e si candida a un posto da titolare fisso con un gol che vale tre punti
Bendtner 6 Ha la maglia 17 di Trezeguet che è davvero pesante. Ma dimostra di non essere solo fisico e testa (nel senso di colpi) con tocchi da rifinitore di buon livello
Antonsson 6 A parte un bell'anticipo su Bendtner nel finale, ne fa un po' di tutti i colori
Taider 6,5 Perde il duello con il connazionale Pogba nei 90', ma il suo gol è la perla della serata torinese
Gabbiadini 6 Si vede meno di Gilardino, ma non fa di meno. Piccole cose che lo faranno diventare grande

IL TABELLINO
JUVENTUS-BOLOGNA 2-1
Juventus (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6,5, Bonucci 6, Caceres 6; Isla 5 (31' st Vucinic 6), Giaccherini 6,5, Pirlo 6, Pogba 8, De Ceglie 4 (28' st Asamoah 6); Quagliarella 6,5 (27' st Giovinco 6), Bendtner 6. A disp.: Storari, Rubinho, Lucio, Chiellini, Lichtsteiner, Marrone, Padoin, Pepe, Matri. All.: Alessio
Bologna (3-4-1-2): Agliardi 5,5, Sorensen 5,5, Antonsson 5, Cherubin 6; Motta 5,5 (21' st Pulzetti 6), Kone 6,5, Pazienza 5,5 (21' st Krhin 6), Morleo 6; Taider 6,5; Gabbiadini 6 (44' st Paponi sv), Gilardino 6. A disp.: Stojanovic, Lombardi, Radakovic, Guarente, Carvalho, Garics, Abero, Riverola, Pasquato. All.: Pioli
Arbitro: Romeo
Marcatori: 9' st Quagliarella, 47' Pogba (J), 26' st Taider (B)
Ammoniti: Pazienza, Pulzetti (B), Pirlo (J)
Espulsi: -

I VOSTRI COMMENTI

130343 - 01/11/12

Record.La juve è la squadra che nel campionato scorso ha avuto solo 4 rigore a favore,ultima tra tutte e 20 di serie A.Prima di darci un rigore ci devono ammazzare.

segnala un abuso

130343 - 01/11/12

Juve 13 tiri in porta contro il Napoli.Napoli 3 tiri in porta.studiate

segnala un abuso