Eto'o: "All'Anzhi per il progetto"

"Il calcio più importante del denaro"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Eto'o, foto www.fc-anji.ru

Dopo la lettera di ringraziamento e saluti a Inter e Moratti, Samuel Eto'o è sbarcato in Russia per cominciare la sua nuova avventura con l'Anzhi Makachkala. "Non sono qui per denaro, non è la cosa più importante. Importante è il progetto dell'Anzhi che reputo molto interessante". Per il camerunese - che nel Daghestan dovrebbe guadagnare circa 20 milioni di euro a stagione - "il calcio conta più dei soldi". Eto'o avrà la maglia numero 99.

A leggere queste dichiarazioni a più di un tifoso interista sarà scappato nel migliore dei casi qualche sorriso amaro, ma questo è il pensiero espresso da Samuel Eto'o all'arrivo in Russia. La scelta di abbandonare l'Inter è stata dettata da motivi tecnici stando alle parole del camerunese e non legata al dio denaro come in molti hanno creduto e continuano a credere. La reazione perplessa è più che comprensibile. Affermare di essersi trasferiti nello sperduto Daghestan a guadagnare 20 milioni di euro netti all'anno solo per il "progetto molto interessante perché nel calcio il denaro non è tutto" è troppo irrealistico per essere credibile.

Proprio sullo stipendio da re di Eto'o però è sorto più di qualche dubbio. Uno dei portavoce dell'Anzhi, Alexander Udaltsov, ha affermato alla BBC che il camerunese non sarà il giocatore più pagato al mondo: "Guadagnerà poco meno di Cristiano Ronaldo". Il portoghese percepisce dal Real Madrid 9.5 milioni di euro ma resta da capire se nel conteggio fatto dal russo rientrino o meno i diritti d'immagine corrisposti a CR7.

I VOSTRI COMMENTI

wolverine81 - 26/08/11

grazie di tutto RE LEONE....

segnala un abuso