Toni: "Io bianconero, è un sogno"

Si è ridotto l'ingaggio per la Juve

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Toni

"Sono stracontento, è un sogno che si realizza". Sono queste le prime parole di Luca Toni in bianconero. "La Juventus - ha spiegato l'ex Genoaè il massimo per ogni giocatore, mi metto a disposizione dell'allenatore". Poi rilancia: "Spero che arriveremo più in alto possibile. Penso di essere in una squadra che può ambire a vincere qualcosa". "Per giocare a Torino - sottolinea il dg Marotta - Toni ha accettato una riduzione dell'ingaggio".

E' carico il bomber ex campione del mondo. Crede in una possibile rimonta, facendo tesoro della sua passata esperienza alla Roma, quando riuscirono a recuperare 12 punti all'Inter, insediandola fino all'ultimo. Ha fiducia nel gruppo bianconero, gruppo che in parte già conosce: "Conosco tanti giocatori che sono qui, ho voluto fortemente questa maglia e ho rinunciato a soldi perché giocare nella Juve è qualcosa di speciale. E' un'altra avventura che mi affascina, ho fiducia perché conosco la maggior parte di questi ragazzi e so la voglia che hanno di vincere. Io ci credo. Di questi tempi l'anno scorso andai alla Roma, era più o meno nella stessa posizione di classifica e arrivammo a un passo dallo scudetto".
Toni parla anche della sua squadra precedente, il Genoa: "Ci sono stati un po' di problemi, diciamo che sono stati sei mesi di matrimonio non andato a buon fine, ma colgo comunque l'occasione per ringraziare Preziosi che mi ha dato la possibilità di venire alla Juventus e di stare sei mesi in una squadra come il Genoa".

Marotta spiega l'affare che ha portato l'attaccante in bianconero come un operazione iniziata e conclusa in giornata. Precisa che l'ingaggio di Toni non è in sostituzione di Quagliarella, "lo abbiamo preso per rinforzare un reparto afflitto da defezioni e da alcune situazioni di emergenza. Abbiamo ritenuto utile e indispensabile sfruttare queste opportunità - ha spiegato il dg -, abbiamo colto questa situazione e l'abbiamo definita velocemente in modo di mettere subito il giocatore a disposizione di Del Neri".
Per l'eventuale arrivo di un sostituto del "Quaglia" non può rispiondere nè si nè no, lasciando intendere che si coglieranno opportunità eventuali. Marotta ha, inoltre, voluto rimarcare il fatto che Toni si è ridotto l'ingaggio per vestire la casacca bianconera.

I VOSTRI COMMENTI

mariointernazionale94 - 08/01/11

toni sara' anche in fase calante ma io lo ritengo un buon attaccante cmq e' stato la punta della nazionale ai mondiali in germania

segnala un abuso

fjoe99 - 08/01/11

diciamola tutta:Dzeko non sarebbe mai venuto alla Juventus,visto il potere economico del City,cosa che manca alla Juve (come pure la maggior parte delle squadre A ,Inter compresa...)da un bel po' di tempo:pertanto ben vengano presidenti come Lotito,Zamparini e Pozzo che hanno coraggio di lanciare giovani anzichè sperperare su nomi già affermati...

segnala un abuso

aldorusso40 - 08/01/11

Quando la smetteranno i giocatori di proclamare che sognavano di entrare nel loro nuovo team? La nuova squadra è sempre stata nei loro sogni!

segnala un abuso

fabiuccio044 - 08/01/11

salve a tutti i dirigenti juve grazie x l'ultimo acquisto toni, gli altri lo scaricano e noi c'è lo prendiamo altro che lottare x lo shudetto,non andremo neanche quest'anno in coppa campioni!!!!!

segnala un abuso

maga_pa - 08/01/11

IL GATTO DI MARMON....è PIU LE VOLTE CHE CADE IN AREA ...COME SE DICE A ZENA GRANDE GROSSO E ABBELINATO...PER CERCARE RIGORE...ANCHE QUANDO VIENE SFIORATO

segnala un abuso

- 08/01/11

segnala un abuso