La rinascita di Klaas-Jan Huntelaar

L'olandese ha segnato 10 gol in un mese

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Huntelaar (afp)

La faccia da bimbo incompreso e triste, spesso relegato in panchina col broncio, sembra essersela definitivamente dimenticata. In Italia, con la maglia del Milan, l'avevamo conosciuto così Klaas-Jan Huntelaar, che nel 4-2-fantasia di Leonardo aveva trovato pochissimo spazio. Ora, in una nuova vita calcistica, a 27 anni nel pieno della maturità, l'olandese sembra essere rinato: 10 gol in un solo mese tra Schalke e Nazionale.

Una bella rivincita per chi non ha mai creduto in lui, dipingendolo come un attaccante di scorta, incapace di sostenere alti livelli di rendimento per più partite consecutive. Klaas-Jan è stato ceduto allo Schalke il 31 agosto, mentre al Milan arrivavano festanti Ibra e Robinho. Da allora ha messo a segno 4 gol in Bundesliga, 1 in Champions e 5 nelle qualificazioni europee con l'Olanda, seppur contro avversari modesti come San Marino e Finlandia. Totale? 10 gol in 33 giorni.

Tutto questo considerando che lo Schalke naviga in acque tutt'altro che tranquille, con il penultimo posto in Bundes e l'allenatore Magath sull'orlo del licenziamento. Lui però non demorde e, pur con il consueto moto traballante, mette a segno ogni pallone che gli capita sottotiro.

D'altronde Huntelaar è uno che i gol li ha sempre realizzati. Si è messo in luce nel 2004 con l'Heerenveen: in due stagioni ha messo in bacheca 34 gol in 46 partite. Poi, con l'Ajax, nel triennio 2006-2009 ha segnato ben 76 gol in 96 partite: una media impressionante, che gli è valsa il soprannome di "the hunter" (il cacciatore).

Le ottime prestazioni con i lancieri gli hanno permesso, a gennaio 2010, l'approdo al Real Madrid, dove però ha cominciato ad avere problemi di continuità. Nonostante tutto, in 20 partite ha chiuso con 8 gol all'attivo. La voglia di cambiare aria l'ha spedito in un areo per l'Italia, destinazione Milano. In rossonero non ha mai trovato la giusta fiducia: si è segnalato per una pregevole doppietta a Catania (con un gol bellissimo in pallonetto) e una rete importante a Firenze.

Ora la nuova avventura in Germania, dove è stato accolto come un Re e dove, grazie alla classe di Raul, suo partner d'attacco, può crescere ancora. Ha ritrovato una maglia da titolare anche nella nazionale olandese (dove vanta 21 gol in 38 partite).

Per chi l'ha sempre apprezzato l'importante è rivederlo sorridere ad ogni gol con quei denti da castoro e quella corsa scoordinata: quello visto in Spagna e Italia, forse, non era il vero Huntelaar. La riscossa del cacciatore, infatti, è già cominciata.

Enrico Turcato

 

I VOSTRI COMMENTI

Sergio2207 - 07/10/10

Ragazzi la classe di Klaas (scusate il neologismo) nn si discute ma metterlo adesso sul piedistallo mi sembra troppo.Ha segnato in Bundesliga 4 gol contro squadre ultraperforate , in Europa e ci sta.... ci mancherebbe altro in in Nazionale ma contro S.Marino e Finlandia ke con tutto il rispetto definire squadre di calcio ci vuol del coraggio.Cmq Tanti auguroni di cuore Yan ...... il bilancio lo faremo a fine stagione.Ciao

segnala un abuso

angeloR0SS0nero - 06/10/10

solorossonero80
hai perfettamente ragione...anche sul merito del milan nulla da dire...tre finali e una semifinale in 5 anni...purtroppo le tedesche sono piu costanti...non vincono quasi mai ma arrivano sempre in fondo...un po come la loro nazionale!

segnala un abuso

Baccaladisetubal - 06/10/10

Auguroni The Hunter"!! Io non ti avrei ceduto!! Verissimo Klass esterno nemmeno Oronzo Canà lo avrebbe schierato! Leo un grande ma troppo "amico" dei senatori!!

segnala un abuso

ibrabinho - 06/10/10

huntelaar è un buonissimo attaccante, sotto porta meglio di boriello!! sono d'accordo con FORZALUCCAEVER.. x la juve era perfetto, gli manca un bomber!! CAMPA TEAM hai ragione, non poteva giocare esterno ma secondo me l'errore è stato più della società ke ha preso un giocatore ke non serviva al milan visto ke quel ruolo era già coperto da boriello e pippo... quest'anno invece l'attacco è meglio assortito!!

segnala un abuso

SoloRossonero80 - 06/10/10

PER ZENOONEZ..

Scusa ma l'Inter quanto ha contribuito ai punti dell'Italia nel Ranking europeo?? Se abbiamo i quattro posti è grazie al Milan che ha fatto tre finali (due vinte) ecc. ecc. negli ultimi anni utili alla creazione della graduatoria. Ti faccio presente che al sorteggio gironi 2009/2010 il Milan che veniva dall'Europa League era in prima fascia, la "grande" Inter in seconda fascia..
Quindi l'Inter ha contribuito per appena un anno al punteggio italiano

segnala un abuso

campaTeam - 06/10/10

IL CAMPIONATO TEDESCO NON è FACILE COME DICONO MOLTI!ANZI è SICURAMENTE PIù EQUILIBRATO DI QUELLO INGLESE O SPAGNOLO DOVE CHELSEA,REAL,BARCA VINCONO QUASI TUTTE LE PARTITE 6 A 0!

segnala un abuso

zenoonez - 06/10/10

Grazie all'inter che ha vinto la Champions e soprattutto al Fulham che ha eliminato l'Amburgo in Europa League il ranking, per il momento, è salvo

segnala un abuso