Fa esordire figlio 12enne, cacciato

Bolivia, esonerato il padre allenatore

E' vero che il calcio a caccia dei giovanissimi, ma forse Julio Caesar Baldivieso ha esagerato. L'allenatore della formazione boliviana dell'Aurora aveva mandato in campo il figlio di appena dodici anni per fargli giocare nove minuti del match perso a La Paz: un esordio ritenuto troppo prematuro, tanto che il club di Cochabamba ha deciso di esonerare il tecnico. Il provvedimento arrivato pochi giorni dopo l'accaduto.

Il dispiacere unisce tutta la famiglia: una giornata che voleva essere ricordata per il mini debutto di un calciatore junior invece diventata il centro di tante polemiche: "Non avevo alternative, dovevo scegliere tra mio figlio e il club. Ho scelto mio figlio e l'Aurora mi ha cacciato", ha affermato pap Baldivieso.

"Sono triste, mi hanno rovinato il debutto - gli ha fatto eco il bambino - Ora devo continuare a lavorare, andr avanti con lo studio e con il calcio. Ma per adesso non posso giocare per un'altra squadra, perch devo restare con l'Aurora fino al 31 dicembre".

24 luglio 200916:27

  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Microsoft Live
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
[an error occurred while processing this directive]