Nba, Kobe Bryant rinuncia alle Olimpiadi

Il fenomeno americano: "Vivrò la mia ultima partita con la divisa dei Lakers. E' ora di lasciare spazio ai giovani"

Kobe Bryant (La Presse)

Dopo aver annunciato il ritiro dal parquet a fine stagione, Kobe Bryant dice no alle Olimpiadi di Rio e alla possibilità di vincere il terzo oro. Lo ha detto lo stesso campione americano a margine del match contro Utah: "Vivrò la mia ultima partita con la divisa dei Lakers, la spalla e il tendine d'Achille stanno accelerando la mia uscita. E' dura convivere con la mancanza di energia e di esplosività. Rio? E' ora di lasciare spazio ai giovani".

Bryant voleva imitare Larry Bird e Magic Johnson che nel 1992 chiusero la loro carriera con il successo olimpico e lui stesso a fine 2015 aveva ammesso questo suo desiderio. "Mi piacerebbe partecipare a Rio - l'annuncio del numero 24 dei Lakers durante una lunga intervista concessa ai media internazionali -. L'Olimpiade è un'esperienza assolutamente fantastica e mi piacerebbe finire la mia carriera su un palcoscenico internazionale così importante".

Purtroppo un fisico logorato dagli infortuni lo hanno costretto a rinunciare al suo sogno di chiedere con il terzo oro olimpico. Ma non è detto che a Rio Kobe ci vada lo stesso. "Magari andrò in Brasile a supporto della Nazionale Usa: se mi vogliono per motivare i ragazzi, ci sarò".

Quel che è certo, a questo punto, è che anche la piccolissima speranza che Kobe possa fare un'ultima esperienza in Italia (paese dove ha vissuto 7 anni al seguito di papà Joe) è stata spazzata via dalle sue parole. Il black mamba è ormai a corto di veleno e a 37 anni il suo fisico non regge più lo stress di una stagione ad alto livello.

TAGS:
Kobe bryant
Basket
Nba
Olimpiadi 2016

Argomenti Correlati