Nba, Durant: "Sapevo che ce l'avrei fatta"

L'MVP delle Finals non nasconde l'entusiasmo per il suo primo anello. Coach Kerr: "Titolo speciale"

Nba, Durant: "Sapevo che ce l'avrei fatta"

C'è soddisfazione tra le fila dei Warriors dopo la vittoria del quinto titolo Nba, il primo per l'MVP delle Finals 2017, Kevin Durant: "A 55 secondi dalla fine ho realizzato che saremmo diventati campioni". Gli fa eco coach Kerr: "Ne ho passate tante, è un titolo speciale. Non ho mai avuto dubbi sulla possibilità che questa squadra funzionasse". Pur senza rimpianti, non nasconde la delusione LeBron James: "Ho dato tutto in queste cinque gare".

PRIMO ANELLO PER DURANT: "È TUTTO VERO?"
L'ultima sirena, la festa sul parquet, poi la premiazione. Golden State vince il suo quinto titolo Nba e l'Oracle Arena di Oakland si scatena. A prendersi la scena è Kevin Durant, MVP delle Finals grazie ai suoi 176 punti, 27 assist e 40 rimbalzi nelle cinque gare della serie. Dopo 10 anni, il numero 35 vince il suo primo anello. La soddisfazione, per l'ex Oklahoma, è incontenibile: "A 55 secondi dalla fine sono andato da Iguodala e ho detto 'È tutto vero?'. Lui mi ha detto di continuare a giocare, ma non ci riuscivo: stavamo per diventare campioni dell'Nba". Quando, ancora una volta, gli viene chiesto del suo rendimento nelle Finals, delle quali è stato il miglior giocatore, KD condivide la scena con i compagni: "Parliamo di Patrick McCaw stasera, un rookie in campo in una finale, parliamo di Zaza capace di fare il suo in quintetto. Parliamo di Steph, che si è guadagnato 15 tiri liberi segnando 24 punti e fornendo 34 assist".

Una scalata, per Durant, iniziata il primo giorno di allenamento: "Ricordo il training camp: non sapevo cosa aspettarmi, non conoscevo nulla di questa squadra, volevo solo essere me stesso. Nella prima amichevole in Canada ho capito che questo era il gruppo che cercavo. Il titolo è la ciliegina sulla torta". Non sono mancati, però, momenti difficili: "La sconfitta con Memphis è stata difficile da digerire. A Sacramento sono andato a cena con Draymond Green e lui mi ha consigliato semplicemente di essere me stesso e di non preoccuparmi, tutto sarebbe finito nel migliore dei modi. La mia sfida era cercare di capire come aiutare i miei compagni a diventare i migliori, cercando di essere il massimo come giocatore e come compagno. Dimostrare agli altri di sbagliarsi è roba da Twitter, conta lavorare duro per essere il miglior compagno possibile per questi ragazzi, e so che su un campo da basket nessuno si impegna più di me. Do tutto quello che ho dentro, amo e rispetto questo gioco. Ho creduto in me stesso, sapevo che ce l'avrei fatta".

KERR OLTRE I PROBLEMI ALLA SCHIENA: "MAI AVUTO DUBBI"
Soddisfazione incontenibile anche per Coach Kerr, al settimo titolo Nba, il secondo anello da allenatore dopo quello nel 2015, sempre con Golden State. Prima i problemi alla schiena, poi la vittoria finale: "Vincere è sempre fantastico, ho avuto la fortuna di far parte di tante squadre vincenti, ma stasera è diverso, per via di tutto quello che ho passato. Mi congratulo con i Cavs, sono un gruppo fantastico. L'anno scorso ci hanno spezzato il cuore, quest'anno è toccato a noi. Siamo felici, ovviamente. Durant ha avuto una stagione incredibile. Tutti sapevamo quanto fosse forte dopo averlo visto giocare. Fin quando non vinci, però, ci sarà sempre chi ha da ridire. Ora non solo ha vinto, ma ha dominato le Finals, sono felicissimo per lui, come per Patrick McCaw e tutti gli altri. Non è stato poi così difficile assemblare questo gruppo. Quando hai giocatori di talento che sanno segnare, passare e palleggiare con altruismo è scontato che le cose vadano bene, non ho mai avuto dubbi che questa squadra potesse funzionare".

IGOUDALA ANCORA DECISIVO
C'è gioia anche nelle parole di Iguodala. L'MVP delle Finals 2015 è stato ancora una volta fondamentale nei momenti decisivi. Gli elogi sono per il coach: "Ha un cervello pazzesco. Lui vuole togliere ogni strato della cipolla per arrivare al cuore delle cose. È un grandissimo comunicatore e lo sa fare in diversi modi con ognuno di noi, perché nessuno è uguale all'altro". Dichiarazione d'amore, invece, per Oakland da parte di Klay Thompson, da molti considerato "sacrificato" sul parquet: "Non mi sento così, e poi preferisco far parte di un gruppo in grado di scrivere la storia piuttosto che ottenere premi individuali. Spero di poter dare il mio contributo agli Warriors per molto tempo".

TAGS:
Nba
Durant
LeBron
Golden State
Cleveland

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X