Basket, Hackett chiede scusa: "Riconosco i miei errori"

Alla presentazione dell'Olimpia Milano il play fa marcia indietro: "L'importante è avere l'umiltà di ammettere di aver sbagliato"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Basket, Hackett chiede scusa: "Riconosco i miei errori"

La nuova Olimpia Milano si è presentata al Lido, con un bagno di folla. Tra i campioni d'Italia c'è anche Daniel Hackett, squalificato per sei mesi dopo l'abbandono del ritiro in Nazionale: per lui la nuova stagione, fino ad aprile, sarà soltanto Eurolega. E ora arrivano le prime scuse del play, che fa marcia indietro: "Gli errori si fanno, l'importante è avere l'umiltà di ammettere di aver sbagliato e io sono pronto a farlo".

Le parole del due volte campione d'Italia (Siena prima e Milano poi), raccolte in un'intervista alla Gazzetta dello Sport, tornano poi sulla calda estate trascorsa, dopo quel fatidico 18 luglio e sulla sua permanenza nel capoluogo lombardo: "C'è stata un'ondata mediatica molto forte, qualcuno mi voleva già fuori dai piedi. Dopo la squalifica sono arrivate offerte per portarmi via dall'Italia, ma la voglia di rimanere e difendere lo scudetto ha fatto sì che io rimanessi".

Hackett e la Nazionale, un rapporto da ricucire: "Vanno chiarite alcune questioni in sospeso, attendo di parlare con Pianigiani, sono pronto a dare la mia disponibilità per il prossimo Europeo. Spero che per me ci sia la disponibilità da parte del coach e del gruppo di riavermi con loro". Infine spazio alla squalifica, per cui il play spera in una riduzione: "Ho letto che forse potrebbe esserci una possibilità, spero che con la mia volontà di ammettere i miei errori e la disponibilità a rientrare in gruppo mi consenta di avere un'apertura anche da parte della Federazione".

TAGS:
Basket
Hackett
Olimpia Milano
EA7

I VOSTRI COMMENTI

scorpius511 - 29/08/14

NO, non esiste.

segnala un abuso

rossonerisiamnoi - 29/08/14

Certo ora che la nazionale è qualif1cata per gli Europei, improvvisamente è tornata la voglia di giocare con la maglia azzurra

segnala un abuso