Nba: ciclone Spurs, Heat travolti

San Antonio vince 111-92 gara 3 delle Finals grazie a un primo tempo da record, in cui infila 25 canestri su 33. Solo 3 punti per Belinelli, a Miami non bastano i 22 punti a testa di James e Wade

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Afp

Il ciclone San Antonio si abbatte su Miami. Gli Spurs spazzano via gli Heat 111-92 in gara 3 delle Finals e tornano avanti nella serie (2-1). San Antonio si riprende il fattore campo grazie a un primo tempo mostruoso: Leonard (29 punti) e compagni tirano con un pazzesco 75,8% dal campo, infilando 25 tiri su 33 (solo 3 i punti di Belinelli), e gelano il pubblico di casa. I 22 punti a testa di James e Wade non bastano a Miami, che giovedì ospiterà gara 4.

Il primo tempo degli Spurs tramortisce i padroni di casa, che subiscono increduli il 'bombardamento' avversario: San Antonio mette dentro 19 dei primi 21 tiri e batte il record stabilito nelle Finals del 2009 da Orlando, capace di tirare con il 75% nel primo tempo di una delle gare contro i Lakers. "Non credo che riusciremo mai più a tirare con il 76% nei primi due quarti", ammette a fine gara coach Popovich. Oltre ai 29 punti di Leonard (nuovo primato in carriera), per San Antonio ci sono i 15 punti a testa di Green e Parker, i 14 di Duncan e gli 11 di Ginobili.

Belinelli gioca appena sei minuti e infila un solo canestro, ma dal peso specifico elevatissimo: l'ex Fortitudo mette dentro una tripla determinante nel terzo quarto, smorzando il tentativo di rimonta di Miami, che era riuscita a risalire fino al -7 (81-74). Solo quattro i giocatori degli Heat che chiudono in doppia cifra: oltre a James e Wade, ci riescono Lewis (14) e Allen (11), mentre Bosh si ferma a 9. Giovedì i campioni in carica saranno chiamati al riscatto: alle ultime 13 sconfitte nei playoff gli Heat hanno sempre risposto con una vittoria nella gara successiva. Dovranno riuscirci anche in gara 4 se non vogliono compromettere la loro rincorsa al terzo anello consecutivo.

Nba: Beli, tripla da ricordare

A volte basta solo un'azione a cambiare la storia di una partita. E allora... G. Cattaneo

TAGS:
Basket
Nba
Spurs
Miami
Belinelli

I VOSTRI COMMENTI

kikoes - 11/06/14

@thekingjamesjuventino mi dispiace che tifiamo la stessa squadra italiana....e non puoi avere il privilegio di vedere il mio profilo twitter e vediamo chi cambia squadra ogni anno.
in italia ogni tanto bisogna cercare di condividere qualcosa....piuttosto che trovare sempre un pretesto per attaccarsi....insultarsi e magari anche lanciarsi banane addosso.
il tuo king james ha giocato da solo stanotte. gli spurs hanno vinto grazie alle seconde linee.....

segnala un abuso

thekingjamesjuventino - 11/06/14

mi fate tenerezza voi che tifate ogni anno una squadra di basket diversa.... ahahahaha

segnala un abuso

kikoes - 11/06/14

massitp giustissimo!!!
il Belli ha gia' zittito tutta l'america con la gara dei tiri da 3: “Three Point Contest”.
annichilendo Bradley Beal.....quindi....GoSpursGo and Go Marco BUM BUM Belliiiiiiiiiiiiiii

segnala un abuso

massitp - 11/06/14

azzer....mi dispiace ma ti devo contraddire....belinelli e' gia' nella storia americana, per adesso "solo" per aver vinto la gara del tiro da 3 nell all star game......ma ha tempo per entrarci ancora prepotentemente....:)

segnala un abuso

azzer86 - 11/06/14

eh si kikoes, quando entra in campo Belinelli, gli avversari devono telefonare al loro psicologo sennò gli tremano le gambe e non riescono ad entrare in campo

Belinelli entrerà (con moltissimo merito) nella storia italiana e forse quella europea.. ma purtroppo non in quella americana..
Di certo se faceva "sdeng" e gli altri infilavano una tripla di contropiede era molto peggio :)

segnala un abuso