Nba: Oklahoma City e Indiana volano in finale

Gara 6 decisiva per Thunder e Pacers: super Durant abbatte i Clippers, West fa fuori Washington

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nba: Oklahoma City e Indiana volano in finale

Saranno Indiana-Miami e San Antonio-Oklahoma City le finali di Conference 2014. Per Pacers e Thunder è decisiva gara 6 in trasferta: un redivivo David West piazza 29 punti ed è decisivo nel successo per 93-80 su Washington; Kevin Durant non sbaglia e con 39 punti e 16 rimbalzi trascina i suoi al 104-98 sul campo dei Clippers. Le finali partiranno domenica notte a Est (fattore campo per Indiana) e lunedì a Ovest (prima a San Antonio).

La prima gara è quella del Verizon Center, dove gli Wizards cercavano il punto della speranza per portare la serie a gara 7. Niente da fare per i padroni di casa, Indiana ritrova tutti gli automatismi che aveva smarrito nella disastrosa gara 5: dopo Roy Hibbert e Paul George, i Pacers trovano in David West il grimaldello per scardinare la difesa avversaria. L'ala di Teaneck mette 29 punti e consente ai suoi di dominare la sfida, che già alla fine del secondo periodo vedeva gli ospiti in consistente vantaggio (+ 12); dall'altra parte fallisce il grande appuntamento John Wall, che tira con 5/16 e alla fine termina con soli 12 punti (0/4 da tre). "Abbiamo continuato a giocare di squadra nonostante tutti i nostri problemi - le parole al termine di West -, dimostrando un fegato incredibile, un'incredibile solidità mentale". In Eastern si ripete dunque la finale della scorsa stagione, quando i Pacers portarono LeBron James e compagni fino a gara 7.

A ovest si ripropone invece la finale del 2012, visto che l'anno scorso i Grizzlies impedirono a Durant e soci di sfidare San Antonio. Quest'anno invece KD non si lascia sfuggire l'opportunità e chiude i conti in gara 6 allo Staples Center. Sono 39, con 16 rimbalzi, i punti dell'Mvp della regular season: i Clippers comandano nei primi due periodi, poi da - 16 parte la lenta ma inesorabile rimonta dei Thunder, a cui contribuiscono anche i 19 più 12 assist di Russell Westbrook (grandioso il suo finale di gara) e i 14 di 'The Man from Pordenone' Reggie Jackson; ai Clippers non bastano i 25 di Paul e i 22 di un Griffin che continua a sciogliersi nei momenti decisivi. Ora i due giorni riservati alle gare 7 di semifinale serviranno di riposo, poi sarà la volta delle finali.

TAGS:
Basket
Nba
Oklahoma City
Indiana

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento