Nba: Durant lancia i Thunder, ok gli Warriors

Oklahoma City vince sul campo di Cleveland mentre Curry salva Golden State. Successi anche per Houston e Portland

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Durant, AFP

Quattro gare giocate nella notte Nba con i campo le big della Western Conference. Gli Oklahoma City Thunder vincono sul campo dei Cleveland Cavaliers 102-95, i Golden State Warriors soffrono più del previsto per avere la meglio dei derelitti Milwaukee Bucks, piegati 115-110. Più agevole la vita per gli Houston Rockets, 129-106 sui Minnesota Timberwolves, e per i Portland Trail Blazers, 116-103 ai danni degli Washington Wizards. 

Alla Quickens Loans Arena i Thunder resistono al rientro dei Cavaliers guidati dai 30 punti di Dion Waiters che non fa sentire l'assenza di Kyrie Irving ma alla fine è OKC a spuntarla nonostante Westbrook ai box: ci pensa il solito Durant, 35 punti, 11 rimbalzi e 6 assist, e 33esima gara di fila con almeno 25 punti. A Oakland gli Warriors hanno bisogno di una grande prova degli Splash Brothers, Steph Curry e Klay Thompson, per piegare i Bucks, trascinati dai 27 punti di Brandon Knight. 31 con 11 assist per Curry, 29 per Thompson e Golden State sale a 18 vinte sopra il 50% di record per la prima volta negli ultimi 20 anni.

A Houston è tutto facile per i Rockets che, anche senza Dwight Howard, asfaltano i Timberwolves con 28 punti e 8 assist del Barba James Harden. Non bastano i 29 di Love e i 22 con 21 rimbalzi della matricola Gorgui Dieng. A Portland i Blazers hanno ragione degli Wizards anche senza l'asso LaMarcus Aldridge, ancora infortunato: ci pensano Wes Matthews, 28 punti, e Damian Lillard, 23 con 11 assist, a firmare il successo dei padroni di casa, vanificando i 24 punti con 14 assist di John Wall per la squadra della capitale.

TAGS:
Nba
Durant
Basket
Thunder
Warriors

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento