Basket Nba, Indiana è inarrestabile

Battuti anche i San Antonio Spurs con Belinelli che chiude con 9 punti

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Mani in testa per Tim Duncan, foto Reuters

La migliore squadra di questo inizio stagione Nba milita nella Eastern Conference, ma non stiamo parlando dei Miami Heat, bensì degli Indiana Pacers che nella notte hanno dato l'ennesima prova di forza battendo i San Antonio Spurs a domicilio. Lebron James e soci si rialzando battendo Minnesota, mentre per Detroit è tutto facile contro Chicago. Fa notizia la sconfitta all'ultimo secondo di Portland, sconfitta da Dallas.

All'AT&T Center tutto sembrava pronto per la dodicesima sconfitta di fila dei Pacers nelle sfide contro gli spurs, ma la squadra di Vogel, trascinata da un Paul George in versione Mvp, ha saputo rimontare fin da -13 e battere i campioni in carica della Westernm Conference per 111-100. Saranno 28 punti con 4 rimbalzi e 6 assist alla fine per George, mentre Marco Belinelli contribuisce alla causa Spurs con 9 punti e un 4-7 dal campo.
Rimaniamo ad Ovest ma spostiamoci a Minneapolis, dove arrivavano i Miami Heat di LeBron James, affamati di vittoria dopo due sconfitte consecutive: il Prescelto sfiora la tripla doppia con una prestazione da 21 punti, 14 rimbalzi ed 8 assist e i campioni Nba in carica asfaltano i Minnesota Timberwolves 103-82, sfruttando anche l'assenza di Kevin Love.
Duello spettacolare quello del Moda Center di Portland tra Trail Blazers e Dallas Mavericks, deciso solamente all'ultimo secondo con un tiro sulla sirena di Monta Ellis che regala ai texani la vittoria per 108-106. Damian Lillard ne mette 32 e segna il tiro che regala la parità a Portland con meno di due secondi sul cronometro. Sull'ultima rimessa pessima difesa dei padroni di casa, che si fanno cogliere impreparati e vengono puniti dal buzzer-beater dell'ex Golden State. Per Dallas ci sono anche 28 punti di Dirk Nowitzki.
Chiudiamo con la sfida dello United Center di Chicago: i Bulls, che ancora non si sono ripresi dallo shock subito per l'infortunio di Derrick Rose, si fanno sorprendere in casa 92-75 dai Detroit Pistons di Gigi Datome. Una partita passata tutta in panchina quella dell'ex Virtus Roma, ma la franchigia di Motown può contare su un Brandon Jennings da 33 punti e 5 assist.

Gli altri risultati della notte:
Philadelphia 76ers-Denver Nuggets 92-103
Cleveland Cavaliers-Los Angeles Clippers 88-82
Memphis Grizzlies-Golden State Warriors 82-108
Milwaukee Bucks-Brooklyn Nets 82-90
Utah Jazz-Sacramento Kings 102-112

TAGS:
Basket
Basket nba
Paul George
Indiana pacers
San antonio spurs
Marco belinelli

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento