Nba: Knicks, è sempre più crisi

Contro New Orleans arriva il nono ko consecutivo nonostante i 17 di Bargnani. Kobe guarda dalla panchina la sconfitta dei Lakers contro Portland

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nba: Knicks, è sempre più crisi

Non c'è pace per New York. I Knicks perdono la nona partita consecutiva contro New Orleans nonostante i 17 punti e 7 rimbalzi di Andrea Bargnani: al Madisone Square Garden finisce 103-99 per i Pelicans. Solo 3 minuti e 0 punti per Gigi Datome nel successo 115-100 di Detroit su Philadelphia. Kobe Bryant, invece, assiste in borghese dalla panchina alla sconfitta dei Lakers contro Portland: venerdì a Sacramento dovrebbe tornare in campo.

Neppure contro la nuova franchigia di New Orleans torna la vittoria in casa Knicks. Non bastano i 23 punti e i 10 rimbalzi del solito Carmelo Anthony ben supportato dall'azzurro Bargnani, i Pelicans approfittano delle prove di Tyreke Evans, 24 punti e 7 assist per il play, e di Ryan Anderson, che chiude la sua gara con 31 punti, e sbancano il Garden di New York. I Knicks possono consolarsi soltanto con l'esplosione del rookie Tim Hardaway Jr. autore di 21 punti, carrer high, in 25 minuti giocati mentre va molto male ai Pelicans che, dopo soli dieci minuti di gioco, vedono infortunarsi la stella Anthony Davis. Frattura alla mano destra per il lungo e rientro ancora da definirsi.

Coach Meeks concede soltanto 3 minuti a Gigi Datome ma i suoi Detroit Pistons vincono lo stesso in casa contro Philadelphia. Per i 76ers brillano Evan Turner con 20 punti e il rientrante Thaddeus Young che ne sigla 24; prestazione mostruosa invece per il centro dei Pistons Andre Drummond che oltre a 31 punti a referto conta anche 19 rimbalzi. Datome chiude invece con soli due tentativi al tiro, senza però centrare la retina, e 2 rimbalzi. Ancora senza Kobe Bryant, che ha assistito alla sfida dello Staples Center seduto in panchina, i Los Angeles Lakers si fanno superare 114-108 dai sorprendenti Trail Blazers guidati dal leader LaMarcus Aldridge e dal sophomore Damian Lillard, autori di 53 punti in due. Ancora qualche giorno d'attesa e i gialloviola ritroveranno il loro numero 24, pronto al rientro sul parquet già venerdì notte contro Sacramento.

Sempre a Los Angeles è andata in scena la sfida tra Clippers e Indiana. Vincono i Pacers 105-100 con la solita ottima prova corale di West-George-Hibbert. Chris Paul sigla 17 punti e smista 10 assist ma la squadra di Doc Rivers va incontro al secondo ko casalingo stagionale. In casa Oklahoma fa invece la voce grossa Kevin Durant che mette a referto la prima tripla doppia stagionale: 32 punti, 10 rimbalzi e 12 assist per il numero 35 che aggiunge alla prestazione anche 4 palle rubate e 4 stoppate. KD guida i suoi al successo in casa contro Minnesota per 113 a 103 e conferma l'imbattibilità casalinga dei Thunder.

Gli altri risultati della notte:
Toronto Raptors-Denver Nuggets 98-112
Sacramento Kings-Golden State Warriors 113-115
Miami Heat-Charlotte Bobcats 99-98

TAGS:
Nba
Knicks
Bargnani
Pistons

I VOSTRI COMMENTI

conterosso-di-maggio - 02/12/13

DIre che Bargnani si salva dopo che ha tirato 0 su 3 da 3 punti e ha totalizzato 5 su 13 al tiro mi sembra un po' eccessivo. DIciamo che ha giocato benino, toh. Sono le 6 stoppate che ne salvano la prestazione. Il resto della squadra, comnunque, stenta.

segnala un abuso

usasport - 02/12/13

Nel basket c'è una piccol regola che a Bargnani non entra in testa, ovverro che un lungo deve difendere anche, capisco che giochi con Melo e Smith e non fate un recupero nemmeno per sbaglio ma non lamentatevi se andate a lottery , Stern permettendo

segnala un abuso