Supercoppa italiana, vince la Montepaschi Siena: battuta Varese

La Mens Sana si impone 81-66 dopo un ultimo quarto strepitoso

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Erick Green, foto Lapresse

La Montepaschi Siena inaugura la stagione del basket con una nuova vittoria: la squadra toscana si è aggiudicata infatti la settima Supercoppa italiana della sua storia (la sesta negli ultimi sette anni), battendo la resistenza della Cimberio Varese per 81-66. Dopo un avvio super, la Mens Sana resiste al ritorno dei lombardi, ma nel finale decidono la triple di Tomas Ress, uno dei pochi reduci dall'ultimo scudetto, ed Erick Green.

Anche l'era del budget limitato si apre nel migliore dei modi: la Montepaschi Siena dei miracoli, ereditata da Marco Crespi dopo il passaggio di Luca Banchi a Milano, vince la Supercoppa italiana e chiude un 2013 da favola. Iniziato, per una volta, senza i favori del pronostico e per questo ancora più autentico per contenuti e spirito. La squadra, totalmente rimodellata in estate per esigenze economiche, si aggrappa ai veterani Daniel Hackett e Tomas Ress e conquista il trofeo per la sesta volta negli ultimi sette anni (solo nel 2012 fu beffata da Cantù). Varese, all'asciutto di trofei proprio da una Supercoppa (quella del '99 dopo lo scudetto della stella), è cambiata troppo e accusa il secondo stop importante dopo quello del girone di qualificazione di Eurolega.

Siena comincia subito forte e si spinge sul 12-2, ma Polonara (primo tempo fantastico con 17 punti) avvia un superbreak che si chiude col 22-17 di marca ospite. Sono gli unici strappi dei primi 30', con le squadre che si equivalgono soprattutto negli errori (all'intervallo lungo è +1 Varese). La Montepaschia parte forte nel terzo quarto e una tripla di Ress le consegna il primo massimo vantaggio della serata sul 52-45. La Cimberio è tenuta in vita dal nuovo jolly Aubrey Coleman, mentre fatica nel pitturato Frank Hassell, il sostituto di Dunston. La squadra di Frates regge fino al 30' (52-47) e De Nicolao la riporta a -2 all'ingresso dell'ultimo quarto. Qui si spegne la luce e Siena - come è solita fare - aggredisce la partita con tutti i suoi terminali: tripla di Ress, tripla di Viaggiano, tripla di Green. Poi anche Carter (uno dei più positivi) e ancora Ress per il 68-54 della staffa. L'ultimo periodo recita 29-19 per la Mens Sana e Daniel Hackett fa il pieno di riconoscimenti Mvp dopo quelli ottenuti nelle Final Eight e nella finale scudetto. Ma la differenza non è solo qui: in attesa di esami più sostanziali, Siena sembra aver mantenuto inalterata la sua voglia di vincere. Un segnale importante al campionato che scatta domenica.

IL TABELLINO

MONTEPASCHI SIENA-CIMBERIO VARESE 81-66 (17-14; 30-31; 52-47)

Montepaschi Siena: Viggiano 4, Hunter 4, Cournooh 2, Rochestie, Carter 16, Ress 14, Ortner 4, Nelson 6, Udom, Hackett 14, English 3, Green 14. All.: Crespi 
Cimberio Varese: Scekic, Sakota, Coleman 23, Rush, Clark 10, Ambrosini, De Nicolao 3, Balanzoni, Mei, Hassell 11, Ere 2, Polonara 17. All.: Frates
Arbitri: Filippini, Lo Guzzo, Baldini
Spettatori: 3721

TAGS:
Basket
Siena
Varese
Supercoppa

I VOSTRI COMMENTI

bimbaccio - 08/10/13

CHAPEAU!

segnala un abuso