Sei Nazioni 2015: Italia sconfitta 61-20 dal Galles

Gli azzurri di Brunel chiudono il torneo incassando una pesantissima sconfitta all'Olimpico: finisce 20-61

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Finisce con una sconfitta pesantissima il Sei Nazioni dell’Italia. Allo stadio Olimpico, nella quinta e ultima giornata del torneo, il Galles batte 61-20 gli azzurri di Brunel impartendo loro una lezione durissima. Chiuso il primo tempo in svantaggio 14-13, l’Italia sparisce letteralmente dal campo nella seconda frazione concedendosi agli avversari. Due le mete degli azzurri (Venditti e Sarto), ben otto quelle dei gallesi con tripletta di North.

Il Galles ha bisogno di una vittoria larga se vuole conservare le speranze di vincere il Sei Nazioni, ma l'Italia complica subito i piani della squadra di Gatland con una punizione di Haimona. Lo stesso Haimona al 6' si infortuna all'avambraccio ed è costretto a uscire: al suo posto Orquera. Halfpenny e Orquera su punizione portano il punteggio sul 6-6, poi arriva la prima svolta del match al minuto 19 quando Roberts firma la prima meta dell'incontro grazie a uno splendido passaggio di Halfpenny. Ma l'Italia c'è e al 25' risponde con la stessa moneta confezionando una splendida meta con Venditti: Orquera trasforma e gli azzurri si portano sul 13-11. Anche Halfpenny, dopo un duro placcaggio su Vunisa, si fa male e dà forfait. L'Italia tiene, ma il Galles proprio allo scadere mette la testa davanti con una punizione di Biggar: si va al riposo con i nostri avversari in vantaggio 14-13.

Ci si attende una ripresa combattuta, ma i primi minuti si trasformano in un autentico calvario per l'Italia. Tra il 48' e il 60' i gallesi vanno in meta quattro volte (Liam Williams e tripletta di North) mentre gli azzurri, costretti a fare i conti con l’inferiorità numerica per i gialli sventolati prima a Masi e poi a Geldenhuys, spariscono letteralmente dal campo e subiscono una lezione durissima. Dopo il tris di North c'è gloria anche per Faletau, Warburton e Scott Williams. L'Italia ha un sussulto d'orgoglio solo allo scadere quando Sarto va in meta e Orquera trasforma per il definitivo 20-61. Il Galles esce dal campo con la fondata speranza di vincere il Sei Nazioni: ora deve solo mettersi comodo e sperare in successi non troppi larghi dell’Irlanda (impegnata in Scozia) e dell'Inghilterra (contro la Francia).

BRUNEL: "E' STATA UN'UMILIAZIONE"
Il c.t. dell'Italrugby, Jacques Brunel, al termine del match ha parlato anche del suo futuro: "Penso di lasciare l'incarico? E' una domanda da fare alla squadra e al presidente, che decideranno. In rapporto alla preparazione della partita e come si è svolta, penso che non potevo fare di più. Io sono dentro la squadra, ho subìto lo stesso punteggio della squadra e anche per me è stata un'umiliazione. Dopo la vittoria con la Scozia, siamo andati indietro nelle ultime due partite. Oggi non so se siamo andati indietro rispetto allo scorso anno - aggiunge il ct azzurro -. Faremo un bilancio sulle nostre prestazioni, sulla gestione, sui giocatori e tutto. Adesso usciamo con un risultato incomprensibile. Ma non posso fare un bilancio ora. Lo faremo in settimana, con calma".

TAGS:
Rugby
Sei nazioni
Italia Galles

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X