Sei Nazioni 2015: Irlanda troppo forte, resa Italia

All'Olimpico di Roma gli azzurri di Brunel perdono 26-3 all'esordio contro i verdi campioni in carica. Prossimo turno contro l'Inghilterra a Twickenham

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

L'Italia esordisce con una sconfitta nel Sei Nazioni 2015 di rugby. Gli azzurri del ct Brunel, nella prima giornata allo stadio Olimpico di Roma, perdono con un netto 26-3 contro i campioni in carica dell'Irlanda. Avanti 9-3 all'intervallo (calcio di Haimona al 40' per l'Italia), i verdi si sono scatenati nella ripresa con le mete di Murray e O'Donnell. Nel prossimo turno, il 14 febbraio, Parisse e soci saranno a Twickenham, casa dell'Inghilterra.

Inizio subito in salita per il quindici di Brunel, che dopo 7' deve già rincorrere: fuorigioco della retroguardia azzurra, che concede calcio di punizione a Keanley, il primo di una lunga serie. Il numero 10 irlandese non sbaglia, e porta sul 3-0 la selezione ospite. Con la touche azzurra che fatica a funzionare (tanti gli errori in fase di rimessa di Ghiraldini), l'Irlanda tiene gli azzurri entro le proprie ventidue, andando a segno ancora su calcio di punizione al 21' ed al 35', con Keanley glaciale sui piazzati.
Con il primo tempo agli sgoccioli, l'Italia riesce a sbloccarsi: la mischia azzurra si porta sui cinque metri dell'Irlanda, guadagnando la punizione che Haimona spedisce in mezzo ai pali. 9-3 all'intervallo e con sofferenza Italia tiene comunque la scia dei campioni in carica. La ripresa però, si tinge subito di verde: la nazionale di Schmidt sfrutta un regalo di Ghiraldini (entrata laterale in mischia) per portarsi sul 12-3, e con i padroni di casa che non riescono a sfondare il pressing asfissiante degli irlandesi (tanti i falli fischiati per palla 'in avanti' azzurra) arrivano le mete che chiudono il match. Al 65' ed al 67' Murray ed O'Donell segnano in mischia prima ed in volata solitaria poi: con le trasformazioni il passivo si fa irrecuperabile, 26-3 Irlanda a dieci minuti dal termine.
Amarezza finale per Parisse e compagni, con meta annullata ad Haimona per un drop in avanti di McLean sfiorato proprio dal capitano azzurro. Il fischio finale lascia parecchi interrogativi sul quindici azzurro: la grinta e la voglia non sono in discussione, ma sono ancora troppi gli errori di lucidità, specialmente quando c'è da attaccare. E tra sette giorni, per il secondo atto del Sei Nazioni, si vola a Twickenham a sfidare l'Inghilterra, che ieri ha espugnato in rimonta il Millennium Stadium di Cardiff.

TAGS:
Sei Nazioni
Italia
Irlanda

I VOSTRI COMMENTI

London327 - 08/02/15

Brutta Italia che perde con un'Irlanda altrettanto bruttina,80 minuti in difesa,nessuna azione degna di questo nome,gioco zero,realisticamente vedo poche speranze anche contro l'Inghilterra alla prossima...speriamo di evitare il cucchiaio di legno almeno battendo la modesta Scozia

segnala un abuso

jh1976 - 08/02/15

Give us back 5 Nations !!

segnala un abuso

Glacius - 07/02/15

dedicano troppi pochi servizi al rugby....

segnala un abuso

rossonerisiamnoi - 07/02/15

Brutta partita, nel primo tempo l'Italia è entrata solo una volta nei 22 dell'Irlanda (ed ha prodotto il calcio piazzato da 3 punti)
Nel secondo tempo è stato un monologo irlandese, e tra l'altro l'abbiamo giocato in parte in inferiorità numerica

segnala un abuso

blackandblue64 - 07/02/15

ancora con questi salami??? E fanno anche la pubblicità in TV...non hanno mai vinto una partita...ma fatemi il piacere..gli dedicano anche i servizi...

segnala un abuso

focus65 - 07/02/15

la solita cenerentola del VI nazioni....

segnala un abuso

Glacius - 07/02/15

speriamo di battere almeno la scozia

segnala un abuso