Sei Nazioni, Brunel: "La Francia è una squadra pericolosa"

Il c.t. azzurro in vista del match di domenica: "Abbiamo apportato alcune modifiche al XV titolare per aumentare la competizione interna al gruppo"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Brunel - IPP

Dopo il k.o. contro il Galles, domenica l'Italia farà visita alla Francia nel secondo match del Sei Nazioni 2014. "Abbiamo apportato alcune modifiche al XV titolare, per aumentare la competizione interna al gruppo - spiega il c.t. azzurro Jacques Brunel -. La Francia è una squadra pericolosa, vengono da un anno difficile ma il 2014 è iniziato con una vittoria con l'Inghilterra che ha dato loro fiducia. E questo, per noi, sarà il primo pericolo".

Brunel spiega così le proprie scelte: "Iannone parte al posto di Esposito perché in questo periodo ha fatto vedere buone cose, Angelo in panchina potrà garantire copertura sia come ala che come estremo. L'errore di Cardiff nei primi minuti non è alla base di questa decisione, per noi è importante poter avere due giovani come Tommaso e Angelo in grado di garantire copertura per vari ruoli dei trequarti ed avere al tempo stesso un'ala pura come Sarto. Credo sia molto importante dare concorrenza interna al gruppo ed anche la scelta di Minto per Zanni, ad esempio, va in questa direzione. Inoltre ci permette di dare un po' di respiro ad Alessandro dopo la frattura al naso della scorsa settimana".

Il c.t. non si fida della Francia, reduce da un 2013 complicato: "Sono una squadra pericolosa, un anno difficile non cambia questa realtà. Noi abbiamo dimostrato che, quando ci esprimiamo al meglio, possiamo essere vicini alle grandi squadre. L'auspicio è che sia così anche domenica allo Stade de France".

TAGS:
Rugby
Sei nazioni
Brunel

I VOSTRI COMMENTI

GreyFox - 07/02/14

la francia è una bella squadra nonostante le molte assenze illustri, l'italia purtroppo mostra ancora delle sbandate che, a questi livelli, ti costano sempre la vittoria finale, comunque l'importante è riuscire a migliorare e a valorizzare i giovani. per quanto riguarda ashton, detto da giocatore, correrà anche forte ma per il resto, a mio avviso, non è niente di che...le ALI con la a maiuscola sono altre (jane, ioane, habana), dell'inghilterra è forte Care che pare abbia messo la testa apposto!

segnala un abuso

redblack power - 07/02/14

La Francia ha solo avuto fortuna con l'Inghilterra, che meritava di gran lunga di vincere, ma quest'ultima è una squadra molto molto giovane, credo che per il mondiale non ce ne sarà per nessuno contro i bianchi della rosa, considerando che sarà rinforzata con due/tre elementi di maggiore esperienza (tipo Ashton). Se l'Italia ci crede, questa Francia si può battere.

segnala un abuso