Ciclismo: l'Uci richiede l'esclusione dell'Astana

Nuova richiesta da parte del massimo organo internazionale per revocare la licenza. Otto italiani a rischio, tra cui Nibali

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Ciclismo: l'Uci richiede l'esclusione dell'Astana

Scoppia di nuovo il caso Astana. Secondo quanto rivelato da L'Equipe, l'Uci avrebbe chiesto alla Concessione Licenze di riesaminare il caso Astana, prospettando così per la seconda volta l'esclusione del team kazako dal World Tour. Un nuovo rapporto sulla politica antidoping della squadra avrebbe allertato il massimo organo del ciclismo, che vuole la revoca della licenza. A rischio la partecipazione alle corse di otto italiani, tra cui Vincenzo Nibali.

La notizia svelata dal quotidiano francese è stata confermata dall'Uci, che vuole evitare il ripetersi del caso Katusha. Il team russo due anni fa poté partecipare al World Tour solo dopo un ricorso al Tas, ma stavolta la Federazione internazionale è certa dei dati in suo possesso e riscontra una netta discrepanza in materia di antidoping tra quanto dichiarato dai dirigenti (Alexandre Vinokourov in primis) e la realtà dei fatti. Ancora una volta, dunque, la partecipazione del detentore Vincenzo Nibali al prossimo Tour de France è messa in forte dubbio. Nell'Astana militano anche Aru, Agnoli, Cataldo, Guardini, Rosa, Scarponi, Malacarne, Vanotti e Tiralongo. Gli azzurri non sono coinvolti nei casi di doping degli ultimi mesi (l'unico caso certificato, per la formazione pro, riguarda i fratelli Iglinskiy), ma qualora venisse revocata la licenza non potrebbero partecipare con l'Astana ai tre grandi Giri e alle classiche.

TAGS:
Ciclismo
Astana
Uci
Nibali

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X