Tour 2014, Nibali: "Anche oggi una bella giornatina..."

La maglia gialla ripercorre la prima frazione pirenaica: "Tappa lunga, difficile da controllare. Domani? Ci sono salite impegnative"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nibali, IPP

Dopo il primo tappone pirenaico vinto dall'australiano Michael Rogers, Vincenzo Nibali mantiene la maglia gialla, conservando il distacco sui rivali, Valverde in primis. Lo Squalo, sul traguardo di Bagnères-de-Luchon, commenta con ironia la tappa odierna: "Una bella giornatina, con una tappa lunga, difficile da controllare, con tanti tentativi di fuga nella prima parte. Non è stato facile per la squadra controllare la corsa".

Ai microfoni della Rai il ciclista siciliano ripercorre gli ultimi chilometri della frazione appena conclusa: "Nel finale la Movistar ha fatto l'andatura forte e davanti siamo rimasti solo quelli di alta classifica. Credo che l'intenzione di Valverde fosse quella di guadagnare secondi e c'era anche Pinot in grande condizione". Nibali difende poi la sua squadra, nonostante abbia dovuto affrontare gli ultimi venticinque chilometri senza compagni: "La squadra sta lavorando, già dal secondo giorno. Fuglsang non sta bene, è spelacchiato per quante escoriazioni ha sul corpo". L'ultima battuta è per la tappa di domani, la più corta del Tour de France 2014, ma con quattro impegnativi Gran Premi della Montagna: "E' molto importante, con salite impegnative, penso che sarà una corsa intensa".

TAGS:
Tour de France
Vincenzo Nibalii

I VOSTRI COMMENTI

Bud.75 - 22/07/14

Di primi sulle Alpi poi in crisi sui Pirenei, nell'ultimo decennio, non ne ricordo. Ma l'ultimo decennio, comunque, non fa testo. Se non lo molla clamorosamente la squadra, e parliamo di una squadra sicuramente parecchio attrezzata, il Tour ha già un padrone fatto e finito

segnala un abuso