Tour 2014, 10a tappa: pazzesco Nibali, tappa e maglia gialla

Il corridore dell'Astana scatta a 2,5 chilometri dall'arrivo, riprende i fuggitivi e si presenta all'arrivo in solitaria

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

E' Vincenzo Nibali il trionfatore assoluto della decima tappa del Tour de France: il corridore dell'Astana si aggiudica in solitaria la frazione da Mulhouse a La Planche des Belles Filles (161,5 chilometri con 7 Gp della montagna) con una strepitosa azione nella salita finale, scattato ai meno 2,5. Il siciliano, nel giorno del ritiro di Alberto Contador, si riprende la maglia gialla, lasciata per un giorno sulle spalle del francese Gallopin.

Tappa complicata, la più difficile di questa prima parte di Tour e ricca di emozioni: sulla discesa del Petit Ballon Contador perde il controllo della bici e cade malamente. Rialzatosi il Pistolero scala il Platzerwasel, ma in cima è costretto a dar forfait: dopo Cavendish e Froome la Grande Boucle perde un altro protagonista assoluto.
Nibali non può sbagliare, senza i due rivali principali, e compie un autentico capolavoro. Nell'ultima salita, verso La Planche des Belles Filles, a 2,5 chilometri dal traguardo, lo Squalo scopre le carte andando a riprendere i fuggitivi: grande scatto che brucia immediatamente Porte e Valverde incapaci di rispondere, aggancia e supera Kwiatkowski, quindi si lancia all'inseguimento di Purito Rodriguez, protagonista della giornata.
L'azione di Nibali è un mix di potenza e rabbia: nel pezzo più duro della salita (oltre 20% di pendenza), a 900 metri dal finale, il corridore dell'Astana lascia sul posto lo spagnolo della Katusha, andando a prendersi la vittoria di tappa in solitaria. Dietro Nibali (al secondo successo di tappa in questo Tour) arriva Pinot, a 15", quindi la coppia Valverde e Peraud a 15. Richie Porte prende altri 25", mentre crolla "Purito", giunto al traguardo dopo 52" ma che può consolarsi la maglia a pois conquistata oggi. Il siciliano si riprende dunque la maglia gialla, ceduta ieri al francese Gallopin: nella generale Porte è secondo, con un ritardo di 2'23", quindi eco Valverde, a 2'47", mentre Van Garderen è settimo, a 3'56". Domani si riposa: si riparte mercoledì da Besançon con l'undicesima tappa.

I VOSTRI COMMENTI

--Teaccio-- - 15/07/14

Nibali non è “esploso” tutto d’ un colpo, ma ha avuto un miglioramento costante negli anni, e negli sport di durata la maturità si raggiunge tra i 28 ed i 30 anni… Poi è normale che il sospetto sia sempre dietro l’ angolo, ma senza prove sono solo parole buttate al vento! Per ora Forza Vincenzo è la tua occasione!

segnala un abuso

chiatoschi - 15/07/14

improvvisamente è diventato un campione............., chissà come........... i dubbi sono molti.....

segnala un abuso

torakiki il giustiziere - 15/07/14

un bel controllino antidoping alla maglia gialla.....quello che arriva primo è sicuramente il meno pulito di tutti.....

segnala un abuso

Alberto80 - 14/07/14

E comunque... Forza Vincenzo!!!

segnala un abuso

Alberto80 - 14/07/14

Vick72, l'Astana è una squadra kazaka e nn spagnola... È pure il nome della capitale.

segnala un abuso