Giro d'Italia 2014, 15a tappa: Aru trionfa a Montecampione

Il sardo dell'Astana si impone in solitaria sulla cima resa storica da Pantani nel 1998. Uran soffre ma resta in rosa

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Giro d'Italia 2014, 15a tappa: Aru trionfa a Montecampione

E' un trionfo incredibile quello di Fabio Aru che vince in solitaria la 15esima tappa del Giro d'Italia 2014 da Valdengo a Plan di Montecampione, salita resa storica da Pantani nel 1998. Il sardo dell'Astana compie un'impresa staccando tutti i migliori che arrivano alla spicciolata. Secondo Duarte, terzo Nairo Quintana. A 42 secondi arriva Rigoberto Uran che mantiene la maglia rosa davanti a Evans e Majka. Quarto lo stesso Aru.

Come in occasione delle ultime tappe, dopo pochi chilometri dal via ecco partire la fuga di giornata composta da 12 corridori che arrivano a guadagnare oltre 7 minuti di vantaggio. Tra questi anche gli italiani Cunego, Paolini, Felline e Ratto. Il gruppo maglia rosa però si mantiene a distanza di sicurezza e comincia la salita di Montecampione, Gpm di prima categoria di 20 chilometri con pendenza media del 7,6%, con 2 minuti di svantaggio. L'ascesa è un omaggio a Marco Pantani che nel 1998 trionfò su Pavel Tonkov.

Dal plotone dei migliori si susseguono gli scatti ma ai meno 8 si spegne la fuga e assieme alla maglia rosa Uran restano una ventina di corridori. Quando la strada torna a salire con pendenze importanti, crolla Ivan Basso che perde terreno dai migliori. Ai meno 5 grande azione di Fabio Aru che si porta dietro la maglia rosa di Uran e Quintana agganciando al comando Rolland e Fabio Duarte. Il ciclista sardo della Astana rilancia la sua azione restando da solo in testa. Aru è incontenibile e conquista la prima vittoria tra i professionisti con 22 secondi di vantaggio sul terzetto composto da Duarte, Quintana e Rolland. Staccato di 42 secondi ecco Rigoberto Uran che mantiene la maglia rosa pur soffrendo con 1'03" su Evans, 1'50" su Majka e 2'24” su Aru, quarto.

Domani il Giro rispetterà una giornata di riposo. Martedì la 16esima tappa da Ponte di Legno alla Val Martello di 139 chilometri con due Gpm di prima categoria e lo Stelvio, cima Coppi della corsa rosa.

TAGS:
Aru
Astana
Ciclismo
Giro d'Italia

I VOSTRI COMMENTI

marco_lag70 - 25/05/14

grandissimo Aru! speriamo che sia veramente un campione nello sport e nella vita,....e anche nel doping ovviamente! basta vedere gentaglia fasulla come Basso cosa combina adesso senza Epo!! Puah..

segnala un abuso