Pistorius, il controinterrogatorio: "Reeva è morta tra le mie braccia"

"Ho commesso un errore, non avevo intenzione di ucciderla"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Pistorius, Foto Afp, Foto AFP

Prosegue a Pretoria con il controinterrogatorio dell'accusa la deposizione di Oscar Pistorius nell'ambito del processo sull'omicidio dell'ex fidanzata Reeva Steenkamp la notte di San Valentino del 2013. "Reeva è morta tra le mie braccia - ha spiegato davanti al giudice -. Ho controllato se respirasse ancora, ma non respirava. Ho sentito il suo sangue scorrere su di me". "Non volevo ucciderla", ha aggiunto.

Dopo la prima straziante testimonianza, questa volta niente lacrime per l'ex campione paralimpico, che ha risposto alle domande della difesa, descrivendo quanto accaduto quella tragica notte. "Non avevo l'intenzione di uccidere Reeva, signora giudice, né nessun altro", ha spiegato Pistorius alla sbarra.

TAGS:
Pistorius
Processo
Deposizione
Reeva Steenkamp

I VOSTRI COMMENTI

faimmibisugol - 09/04/14

Facts: she's dead and you're still alive.. That hasn't changed.

segnala un abuso