Ghebreslassie oro nella maratona

L'atleta eritreo si aggiudica il primo oro della manifestazione andando a vincere la maratona: solo sesto il campione olimpico Kiprotich

  • A
  • A
  • A

Il primo oro dei Mondiali di atletica di Pechino se lo è messo al collo Ghirmay Gebreslassie, corridore eritreo che si è imposto nella maratona davanti all'etiope Tsegay e all'ugandese Solomon Mutai con il tempo di 2h12'27”. Splendido quarto posto per Ruggero Pertile: l'azzurro ha chiuso a quasi un minuto dal podio, ma venti secondi davanti al campione olimpico e mondiale della specialità, Stephen Kiprotich.

Ghebreslassie è stato autore di una rimonta partita pochi chilometri dopo la partenza dall'antica porta di Andingmen, e che gli ha permesso di raggiungere e staccare Tsepo Ramonene (Lesotho), che ha provato troppo presto la fuga per portarsi a casa l'oro. Dopo una battaglia serrata con Tsegay (l'etiope, giunto poi secondo, esaurisce la benzina a 4 km dal traguardo), l'eritreo è andato a staccare per primo il traguardo all'interno dello Stadio Nazionale, diventando così l'atleta più giovane ad aggiudicarsi la maratona in tutta la storia dei Mondiali. Per quanto riguarda l'Italia, gara super di Ruggero Pertile, quarto a varcare le porte del Nido d'uccello e premiato dalla strategia attuata in gara assieme all'altro azzurro tra i primi dieci, Daniele Meucci. Niente da fare invece per Stephen Kiprotich: il ventiseienne ugandese non è riuscito a bissare l'oro conquistato due anni fa a Mosca.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments