Hockey ghiaccio: Bolzano ko, scudetto d’Austria rimandato

Salisburgo vince 5-3 gara 4 e si porta sul 2-2 nella serie: domenica alle 17.45 la sfida decisiva per l’assegnazione del titolo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

(foto sportmediaset.it)

Festa rimandata a Bolzano. La squadra di hockey su ghiaccio allenata dallo statunitense Tom Pokel non è riuscita a conquistare il suo primo storico scudetto d’Austria. In gara 4 della finale la squadra altoatesina, che da quest’anno gioca nella Ebel Liga, è stata sconfitta per 5-3 dal Salisburgo che ha così pareggiato la serie portandosi sul 2-2. A questo punto sarà decisiva gara 5, in programma domenica pomeriggio alle 17.45 a Salisburgo.

Al Palaonda era tutto pronto per vivere una serata da sogno, con i tifosi biancorossi accalcati a riempire come un uovo il palazzetto e i maxischermi in città per accontentare anche chi non era riuscito a trovare un biglietto. Del resto, per i Foxes, l’appuntamento era di quelli storici: dopo avere vinto 19 scudetti in Italia, l’ultimo dei quali nel 2011-2012, la sfida contro il Salisburgo rappresentava la possibilità di entrare nella leggenda, diventando la prima squadra italiana a vincere in territorio straniero. Un po’ come se la Juventus vincesse la Bundesliga, per usare una metafora calcistica. Il sogno di Bolzano, però, non è diventato realtà. Subito sotto di due reti dopo 12 minuti, la squadra di Pokel ha accorciato le distanze con Stromberg in chiusura di primo periodo per poi trovare la rete del 2-2 all’inizio del secondo con Gander. Sembrava il preludio a un finale di match trionfale, ma Salisburgo ha sfoderato gli artigli trovano il nuovo vantaggio con Motzko. Terzo periodo palpitante: i Foxes pareggiano con Stromberg sfruttando una situazione di poweplay, ma il finale è tutto del Salisburgo che va a segno due volte con Roe e Trattnig. Finisce 5-3 per la squadra ospite. Il discorso scudetto è rimandato a domenica.

(foto sportmediaset.it)
TAGS:
Hockey
Bolzano
Salisburgo
Ebel Liga

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento