Nfl, Super Bowl: è festa per i Seattle Seahawks

Denver Broncos annientati 43-8: delusione per Manning

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Foto AFP

La prima volta di Seattle. Dominio assoluto dei Seahawks nel Super Bowl XLVIII che hanno annientato 43-8 i Denver Broncos. Partita senza storia: una batosta così netta da entrare negli annali, visto che si tratta del terzo scarto, 35 punti, più ampio di sempre. Delusione per Manning che ha fallito l'occasione di essere il primo Qb della Nfl a vincere due titoli con due squadre diverse. Malcolm Smith è stato nominato l'MVP.

Nfl, Super Bowl: è festa per i Seattle Seahawks

I Seattle Seahawks battono 43-8 i Denver Broncos al MetLife Stadium di New York e conquistano il Super Bowl numero 48, il primo della loro storia dopo aver perso la finale del 2006 contro i Pittsburgh Steelers. Il linebacker Malcolm Smith è premiato con il titolo di MVP della partita. Gara senza storia fin dall'inizio con la grande difesa di Seattle che costringe Peyton Manning e il suo attacco a errori in serie, e poi ci pensano Russell Wilson e i ricevitori a sancire il successo dei Seahawks di coach Pete Carroll, che a 62 anni diventa il terzo allenatore più anziano a vincere il Superbowl e anche il terzo ad aver fatto la doppietta col titolo universitario (dirigeva Southern California).

L'attesa partita con le due migliori squadre della stagione regolare, soprattutto il miglior attacco dei Broncos e la miglior difesa dei Seahawks, si apre con una palla persa per Denver: il centro Ramirez passa male il pallone a Manning che non la raccoglie e finisce in endzone, lì viene ricoperta dalla difesa di Seattle che segna i primi punti, 2-0 (safety). I Broncos non riescono a sbloccarsi e Seattle vola sull'8-0 con due calci di Haushka, il secondo dopo una prodezza difensiva di Irving che nega la ricezione in meta a Kearse. Il secondo quarto si apre con la meta su corsa di Lynch per il 15-0 dei Seahawks dopo l'intercetto di Chancellor ai danni di Manning. Prima dell'intervallo lungo il quarterback di Denver incappa in un altro intercetto: Malcolm Smith pizzica il pallone e lo porta in meta per il 22-0.

Nfl, Super Bowl: è festa per i Seattle Seahawks

Nella ripresa ci si attende una rapida reazione dei Broncos ma sul primo possesso della ripresa Percy Harvin riporta in endzone il pallone del kickoff con una corsa da 87 yards e chiude di fatto la partita col 29-0 in favore di Seattle. La serata nera di Denver prosegue ancora perchè Demaryus Thomas si fa togliere da Maxwell il pallone dopo una ricezione (fumble) e il solito Smith lo recupera. Poco dopo arriva il primo passaggio da touchdown di Russell Wilson che serve Kearse per la meta del 36-0. Prima della fine del terzo periodo c'è tempo per l'unico sussulto dei Broncos con Manning che trova il solito Thomas per il touchdown della bandiera (più la conversione da due punti di Welker) del 36-8 che evita una colossale figuraccia (nessuno ha chiuso un Superbowl a zero).

L'ultimo quarto si apre con un altro touchdwon di Wilson che pesca Baldwin in endzone per il 43-8 che è anche il punteggio finale. Da lì fino al termine i Seahawks amministrano e possono poi festeggiare con la tradizionale doccia di bevanda energetica per coach Carroll, prima di salire sul palco a sollevare al cielo l'ambitissimo Vince Lombardi Trophy. Seattle, una squadra arrivata al Super Bowl con giocatori che mai erano giunti all'atto finale, si gode la solida prova del giovane quarterback Wilson (2 touchdown) e la garanzia della difesa, trascinata dal'MVP Michael Smith, il primo nella storia del Super Bowl a chiudere con una meta su ritorno di intercetto e un fumble ricoperto. Gara disastrosa invece per Denver, mai realmente in partita: Peyton Manning chiude con 34 passaggi completati (anche due intercetti) mentre Demaryus Thomas firma 13 ricezioni, entrambi record Nfl per il Super Bowl, ma queste statistiche sono una magra consolazione dopo una stagione da protagonista per la franchigia di 'Mile High City'
TAGS:
Super Bowl
Seattle
Denver
Manning

I VOSTRI COMMENTI

Tampabay2003 - 03/03/14

ke super bowl deludente è stato un dominio di seattle cmq spero ke la prossima stagione arrivi presto

segnala un abuso

pagliacciodighiaccio - 06/02/14

il mio intervento termina con "due anni di matteo gandini e compagnia cantante mi avevano abituato bene.." - ciao!

segnala un abuso

pagliacciodighiaccio - 06/02/14

lasciamo pure certi soggetti al calcio. il football è un'altra cosa, assai più seria. bravi i ragazzi di seattle. mi ha colpito la totale incapacita' di reagire di denver. nota stonata per lo stile calcistico dei telecronisti: durante le partite di s.f.sembrava di ascoltare 49ers tchannel, domenica notte hanno palesato la loro evidente antipatia nei confronti dei broncos. due anni di matteo gandini

segnala un abuso

Made82 - 03/02/14

non è necessario essere disfattisti, si può anche ammettere che uno sport è bello senza disprezzarne un altro, amo il calcio e ieri ho trovato più che affascinante il superbowl, non per questo sento la necessità di insultare uno o l'altro sport, se uno dei due v crea tanto fastidio basta non leggerne le notizie

segnala un abuso

Leoni68 - 03/02/14

Per favore, evitiamo i paragoni con il calcio... uno è sport, l'altro è poco più di un gioco che dà da parlare e polemizzare tutta la settimana.
uno vive di gesti atletici e statistiche, l'altro di opinioni faziose.

Comunque sia, onore ai Seahawks!!

segnala un abuso

lucanerazzurro - 03/02/14

non sarà inguardibile...ma per chi ieri era al primo SB è stato molto delundente...magari è come se uno avesse visto prto monaco come finale di champions...però impossibile stare in piedi se non esiste partita

segnala un abuso

MMJ1989 - 03/02/14

Concordo con carloart; questo sport è tutto tranne che inguardabile; però speravo in un match più combattuto; la differenza in campo tra le due squadre ieri sera era veramente enorme....

segnala un abuso

carloart - 03/02/14

C'è una costante in questo sport, talmente tanto incontrovertibile da essere diventata una massima: "l'attacco vende i biglietti, la difesa vince le partite".
P.s: orgoglioso di avere assistito al mio trentaduesimo SB, quasi tutti in diretta, apoteosi di uno sport che tutto è tranne che "inguardabile", come dimostrano i dati di ascolto a livello mondiale

segnala un abuso

cremator - 03/02/14

Ma chissefrega!!! Sport inguardabile

segnala un abuso