Nascar, a Stewart il titolo 2011

Chiuso a pari punti il duello con Edwards

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

RONNY MENGO

Tony Stewart (Afp)

Quarant'anni, single, faccia da salumiere simpatico, ben prima di questo terzo titolo Nascar, Tony Stewart già non poteva andare in giro per Columbus (città dell'Indiana dove è nato e vive) perchè assediato dai tifosi che lo considerano una divinità. Il fatto che al di qua dell'oceano sia sconosciuto è solo la prima curiosità del mondo ovale, inteso come i circuiti nei quali gli americani impazziscono domenicalmente.

Curioso come sia finita questa stagione, con Stewart che beffa il rivale di sempre Edwards all'ultimo giro, dell'ultima gara, dopo una rimonta dal 40esimo posto nata dal problema al radiatore iniziale, e nonostante abbia chiuso a quota 2403 punti, esattamente gli stessi di Edwards (altra curiosità, finire pari dopo 36 gare) ma grazie alle 5 vittorie dell'anno contro l'unica del rivale.

Curioso anche che il battuto Edwards chiuda con un malloppo ben più consistente: 8 milioni e mezzo di dollari contro i 6 e mezzo di Stewart, per via dei montepremi che cambiano di gara in gara e per le alchimie tra piazzamenti, giri in testa, giri veloci, che alla fine fruttano non poco, come ben sa il timido McDowell, ultimo nella prova conclusiva, che i suoi 62mila dollari per 3 ore di gara se li porta comunque a casa. Niente in confronto ai 350mila di Stewart, esagerato anche nel dato dei sorpassi, avendone firmati la bellezza di 118.

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento