Tourist Trophy, la Paton vince nella Lightweight

Primo successo di una moto italiana dal 2003 grazie a Rutter. Sfortunato Bonetti

di
  • A
  • A
  • A

Giornata storica al Tourist Trophy per l'Italia. Per la prima volta dal 2003, quando McGuinness vinse la classe F1 in sella a una Ducati 998, il tricolore è salito sul gradino più alto del podio tra i muretti, i marciapiedi e gli alberi dell'Isola di Man. Lo ha fatto grazie alla Paton, storica casa milanese con un passato anche nel Motomondiale, che ha conquistato il suo primo successo nella gara della Lightweight (bicilindriche di 650cc) grazie all'esperto Michael Rutter.

Il pilota britannico ha dominato dall'inizio alla fine lungo il tracciato stradale del Mountain Course, famoso come il più pericoloso del mondo, precedendo Martin Jessopp e Peter Hickman, tutti su Kawasaki. Rutter, 45 anni, ha centrato il suo quinto successo nella road race più famosa del mondo. Primo successo, invece, per la Paton, dopo le vittorie al ManxGP e al Classic TT.

Peccato per il suo compagno del team SC-Project Reparto Corse, Stefano Bonetti, costretto al ritiro da un guasto meccanico alla sua S1-R a metà corsa quando era saldamente sul podio.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments