World League 2015: Italia travolta dall'Australia

A Jesolo, nella quinta giornata del gruppo A, gli azzurri di Berrutto perdono 3-0 contro gli aussie, reduci da quattro sconfitte

Foto Twitter Federvolley

Doveva essere una serata di festa a Jesolo davanti ai 3500 spettatori del PalaArrex, che ritrovavano la nazionale di volley dopo 13 anni dall'ultima volta, ma l'Italia del ct Berruto gioca una partita incolore e viene travolta 3-0 dall'Australia nella quinta giornata del gruppo A della World League. Gli azzurri, che avevano vinto le due gara d'esordio in casa degli aussie del ct Santilli, incappano nel secondo stop dopo quello di Pesaro con la Serbia.

Serata amara per l'Italia del ct Mauro Berruto che cade con un perentorio e inaspettato 3-0 (25-16, 25-18, 25-21) contro l'Australia nella quinta giornata del gruppo A di World League. Gli azzurri, secondi in classifica dietro al Brasile con 8 punti, sprecano l'occasione di mettere una seria ipoteca sulla qualificazione contro una squadra, gli aussie del ct italiano Roberto Santilli, reduci da quattro sconfitte in altrettante gare e battuti due volte dall'Italia nelle partite d'esordio della manifestazione ad Adelaide.
Nel primo set l'Australia parte forte, vola sul 14-7 e chiude 25-16. Nel secondo set la musica non cambia, l'Italia non c'è, è irriconoscibile e gli aussie partono 13-8: gli azzurri hanno un sussulto e tornano a -2 ma l'Australia non trema e fa suo il parziale per 25-18. Nel terzo set sono i ragazzi di Berruto, con le spalle al muro, a partire meglio, avanti 9-7, ma gli aussie ne hanno di più, sorpassano sul 17-15 e chiudono 25-21. All'Italia non bastano i 15 punti di Vettori, nell'Australia spiccano i 22 di Edgar e i 12 di Sanderson. Domenica sera, a Verona, ancora di fronte Italia e Australia.

TAGS:
Volley
World league
Italia
Australia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X