Volley, SuperLega: Civitanova cade a Modena ma è campione d'inverno

Trento vince 3-2 a Molfetta e resta seconda. In A1 femminile clamoroso crollo di Busto Arsizio

Foto lubevolley.it

Civitanova perde 3-2 a Modena ma festeggia ugualmente il titolo di campione d'inverno: del ko della Lube, infatti, approfitta solo in parte Trento che passa a Molfetta al tie-break e chiude il girone d'andata al secondo posto a -1 dai marchigiani. Prosegue la corsa inarrestabile di Perugia che batte 3-0 Milano. In A1 femminile Bergamo rischia grosso contro il Club Italia ma la spunta al quinto set. Crolla Busto Arsizio, battuta 3-0 da Firenze.

SUPERLEGA - TREDICESIMA GIORNATA
Non tradisce le attese il big match del PalaPanini tra Modena e Civitanova: alla fine la spuntano gli emiliani dopo cinque set tiratissimi e 2 ore e 22 minuti di gioco. Sugli scudi Vettori e Ngapeth che mettono a referto rispettivamente 24 e 18 punti, la Lube replica con i 29 di uno strepitoso Sokolov ma deve alzare bandiera bianca. Sorride ma non troppo Trento cui serviva una vittoria piena a Molfetta per salire al primo posto: la vittoria arriva ma solo al tie-break, complice un'Exprivia encomiabile che, trascinata dai 28 punti di Sabbi, reagisce alla grande dopo avere perso il primo set mettendo in grossa difficoltà la Diatec. Nessun problema invece e quinta vittoria consecutiva per la Sir Safety Perugia che al PalaEvangelisti supera agevolmente Milano con i parziali di 25-20, 25-21, 25-18 consolidando il quarto posto e rosicchiando punti alle prime della classe. Nella squadra di Bernardi i top scorer sono Atanasijevic e Berger, autori di 14 punti ciascuno. Colpi esterni della Lpr Piacenza e della Calzedonia Verona che vincono rispettivamente a Monza (3-1) e a Padova (3-0). Completano il quadro i 3-2 casalinghi di Latina su Vibo Valentia e di Ravenna su Sora.

L'ultima giornata del girone d'andata ha definito anche la griglia della prossima Coppa Italia che scatterà il 14 dicembre per chiudersi nel weekend del 28-29 gennaio con la Final Four alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno: le due escluse sono Latina e Milano, le prime quattro (Civitanova, Trento, Modena e Perugia) accedono direttamente ai quarti di finale, le altre otto si sfideranno ai playoff.

A1 FEMMINILE - OTTAVA GIORNATA
Soffre decisamente più del previsto Bergamo, costretta a rimontare due set di svantaggio contro un sorprendente Club Italia trascinata da una prova superlativa di Paola Enogu, capace di mettere a referto 35 punti. La squadra della federazione torna a casa con la soddisfazione di avere sfiorato l'impresa e col rammarico di avere sprecato quattro match point nel quarto set, poi vinto 31-29 da Bergamo. Alla Foppapedretti, che si aggrappa ai 21 punti della Skowronska e ai 20 della Gennari, il successo è comunque sufficiente per restare in vetta alla classifica a +1 su Casalmaggiore, corsara a Modena al tie-break nell'anticipo. A far rumore è la clamorosa caduta di Busto Arsizio, surclassata da Firenze: Il Bisonte si impone 3-0 al PalaYamamay tornando a vincere una partita senza concedere un set a un anno e mezzo di distanza dall'ultima volta (8 marzo 2015 in casa contro Piacenza). E lo scivolone costa caro alla Unet Yamamay, scavalcata sia da Conegliano che Scandicci ora appaiate al terzo posto: la Imoco Volley si impone 3-1 sul campo della Metalleghe Montichiari, la Savino Del Bene supera al quinto set Bolzano a domicilio.

TAGS:
Volley
Superlega
A1 donne

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X