Tennis: Federer rinuncia a Cincinnati, Nadal torna numero 1

Lo svizzero si prende una breve pausa per problemi alla schiena e lo spagnolo da lunedì scavalcherà Murray in vetta alla classifica Atp

Tennis: Federer rinuncia a Cincinnati, Nadal torna numero 1

Dopo la finale persa contro Zverev a Montreal, Roger Federer ha deciso di prendersi una breve pausa, saltanto il Masters 1000 di Cincinnati. Uno stop dovuto al mal di schiena, che è diventato ufficiale e che gli consentirà di presentarsi al meglio della forma agli US Open in programma a New York da fine mese. Al suo posto nel tabellone principale di Cincinnati entrerà l'azzurro Thomas Fabbiano. Intanto Nadal diventa il nuovo numero 1.

"Sono molto dispiaciuto di ritirarmi. Purtroppo, ho sforzato la mia schiena a Montreal e ho bisogno di riposare questa settimana", ha spiegato. La rinuncia di Federer, fresco di 36 anni, al torneo in Ohio ha conseguenze soprattutto sulla classifica Atp. Il forfait dello svizzero, infatti, unico a poter strappare la leadership dell'uscente Murray insieme a Rafa Nadal, consentirà proprio allo spagnolo di diventare il nuovo numero 1 del mondo a partire da lunedì 21 agosto, da dove manca dal 6 luglio 2014. Salvo sorprese, saranno comunque Rafa e Roger a giocarsi la prima posizione da qui alla fine dell'anno considerati i problemi dello scozzese e lo stop anticipato di Djokovic.

TAGS:
Tennis
Federer
Nadal
Murray
Atp

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X