La Cornet si cambia in campo: faida US Open-Wta per il Warning

"La regola non esiste". E gli organizzatori la tolgono e si scusano con la francese

Alize Cornet ha fatto scalpore prima della sua partita allo US Open contro Johanna Larsson. Accortasi di aver indossato la maglietta al contrario, la tennista francese se l'è levata a bordo campo ricevendo un "warning" dall'arbitro che ha scatenato la polemica. La WTA si è spesa in prima persona in difesa della Cornet costringendo gli organizzatori a scusarsi e ad abolire la presunta regola. Nel 2016 un fatto analogo toccò a Nadal.

Lo spogliarello del resto ha suscitato più clamore del dovuto. La Cornet, che poi ha finito per perdere il match contro la svedese Larsson, è rimasta in top sportivo per qualche secondo, niente di compromettente insomma e che nel circuito maschile è più solito succedere, pagando con un warning dal giudice di sedia.

Richiamo subito stracciato dopo la nota in merito della Wta: "La violazione del codice che la Usta ha inflitto ad Alize Cornet durante il suo match è stata ingiusta e non basata su regole della Women's Tennis Association, poiché la Wta non ha regole specifiche in merito al cambio di abbigliamento in campo. La Wta è sempre stata e sarà sempre in prima linea per le donne e per lo sport delle donne. Alize non ha fatto nulla di sbagliato".

TAGS:
Us open
Cornet
Wta
Top sportivo
Maglietta

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X